italcredi
banner ad
italcredi
unieuro

L'Ici sulle piattaforme, il governo salva l'Eni? Spunta la norma che boccia le richieste del Comune

Economia
Strumenti
Carattere

Gela. L’amministrazione comunale, da mesi ormai, cerca di trovare una soluzione finalizzata ad incassare l’Ici sulle piattaforme di Eni, mai pagata dall’azienda.

La norma a favore delle compagnie. Il governo nazionale, però, nella nuova “manovrina” di correzione ha inserito una norma che rischia di bloccare tutto, escludendo l’obbligo dei pagamenti Ici, Imu e Tari “sulle costruzioni ubicate in mare”. Una definizione che, inevitabilmente, si estende anche alle piattaforme lungo la costa locale. Una recente missione romana dell’assessore Fabrizio Morello è servita proprio a cercare un’intesa con i legali della società, mentre sono pendenti i ricorsi alla Corte di Cassazione contro le decisioni della commissione tributaria provinciale e regionale, favorevoli proprio alla multinazionale. In ballo, ci sono somme non inferiori a tre milioni e mezzo di euro, almeno per i pagamenti Ici relativi al periodo 2003-2008. A questo punto, però, l’intesa transattiva potrebbe anche saltare, qualora la norma diventasse definitiva. Per i tecnici del governo, le costruzioni ubicate in mare “non sono iscritte o iscrivibili nel catasto fabbricati”. Di conseguenza, non può esserci rendita. Una dura reazione è arrivata anche dall’avvocato Ferdinando D’Amario che segue tante vicende di questo tipo, compresa quella dei ricorsi presentati in Cassazione dal Comune. A questo punto, il “banco” potrebbe veramente saltare con una norma che sembra tutelare solo le grandi compagnie estrattive. I legali di Eni, negli scorsi giorni, hanno impugnato gli accertamenti Imu per il periodo 2012-2015 e quello relativo alla Tasi 2015. Tutti pagamenti chiesti dal Comune alla multinazionale del cane a sei zampe sia sulle piattaforme sia su immobili dell’azienda presenti in città.

"

"

"

Ultimi Commenti