qdg bingo banner civico
hertz sottotestata nero
italcredi
unieuro

L'area di crisi complessa, Crocetta ha "toppato" ancora? I sindacati al presidente: "Negato il ricollocamento a centinaia di operai locali"

Economia
Strumenti
Carattere

Gela. Il governo regionale del presidente Rosario Crocetta

sembra non far breccia nel cuore dei sindacati, almeno di quelli locali.


Il sindacato contesta il provvedimento varato dalla Regione. I confederali di Cgil, Cisl e Uil, ma anche i rappresentanti delle categorie, a cominciare dai metalmeccanici, non hanno affatto digerito l’ultimo provvedimento firmato dall’ex sindaco, con il quale si individuano i lavoratori da ricollocare, in base a quanto previsto nell’area di crisi complessa. “Inerzia e pressapochismo stanno caratterizzando alcune azioni del governo regionale – dicono i confederali Ignazio Giudice, Emanuele Gallo e Maurizio Castania – e della politica tutta nel deliberare idee che non portano benefici ai lavoratori dell'area di crisi complessa. Anzi, c’è l'ulteriore volontà di frammentare e impoverire il mondo del lavoro. Perchè deliberare misure di esclusione di centinaia di lavoratori che hanno avuto rapporti di lavoro prima del 12 luglio 2012?”. A far montare il malcontento, dopo la valutazione del provvedimento varato a Palermo, sono i criteri per l’individuazione dei lavoratori da ricollocare, la gran parte usciti fuori dal ciclo produttivo di Eni. “Perché il governo regionale e la politica hanno la necessità di escludere dai benefici i lavoratori licenziati per giusta causa o per giustificato motivo oggettivo? – aggiungono - il sindacato confederale già nei giorni scorsi ha chiesto un incontro immediato al governo regionale per chiedere la modifica di una parte della delibera poiché genera confusione e condanna ad un ulteriore arretramento centinaia di lavoratori”.

Il caso Eurotec. Allo stesso tempo, i confederali chiedono tempi certi per avviare gli incontri necessari a ricollocare i diciannove operai licenziati da Eurotec. “Come in tutte le vertenze il fattore tempo non è secondario – concludono - ed in prefettura tutti avevano condiviso la richiesta di maggiore celerità. Ad oggi, rivendichiamo una data certa così da dare risposte concrete ai lavoratori”.  

"

boncini carrozzeria

"

ad ceramiche

"

cofussi banner laterale

Ultimi Commenti