Ha accusato di concussione un impiegato del tribunale, altri guai per Fabio Fasulo

Archivio_Cronaca
Carattere

Gela. Ha accusato un impiegato del tribunale di Gela di aver chiesto soldi per rilasciare certificati giudiziari. Con l’accusa di calunnia un imprenditore è stato denunciato dalla procura.

Il Gip del tribunale, Alberto Leone, ha emesso una ordinanza con cui obbliga l’imprenditore Fabio Fasulo a presentarsi quotidianamente alla polizia giudiziaria.L’attività investigativa ha permesso di accertare che l’imprenditore, coinvolto di  recente nell’indagine riguardante prospettate assunzioni presso il costruendo polo foto-voltaico di Gela, riconducibile alla cooperativa Agroverde, nell’intento di costituire una linea difensiva rispetto alle accuse che gli venivano mosse, tra cui le possibili richieste di denaro ai lavoratori in cambio di un posto di lavoro,  ha accusato un impiegato del Tribunale di avere chiesto denaro ai potenziali lavoratori, in occasione del rilascio di certificazioni giudiziarie.

Le accuse si sono concretizzate attraverso decine di dichiarazioni,  inconsapevolmente sottoscritte da altrettanti lavoratori (quindi strumentalmente utilizzati) in cui si attestavano richieste di denaro da parte del funzionario dello Stato,  circostanze queste – secondo la procura - risultate completo frutto di fantasia.