Cronaca

Presunte molestie in Comune, verso il rinvio a giudizio per il presidente Fava

Gela. Sì al rinvio a giudizio per il presidente del consiglio comunale Giuseppe Fava.

Usura nei cantieri, "mi ha rovinato!": Ingegnoso parla, "facevano la bella vita"

Gela. “Dovevamo pagare il dieci percento mensile su tutte le somme che ci venivano prestate. Alla fine, abbiamo versato a Roberto Ingegnoso circa 500 mila euro. Non riuscivo più a sopportarlo. L’ho denunciato per i miei figli. Mi ha rovinato”.

"La vita danneggiata dalla raffineria", azione contro Eni: in dieci dal giudice

Gela. Il giudice civile Alessandro Laurino si è riservato di decidere davanti alla vasta documentazione presentata dai legali di dieci imprenditori che hanno scelto di citare in giudizio la società raffineria di Gela, del gruppo Eni.

Nuovo incendio nel rione Carrubbazza, in fiamme un'autovettura in via Milazzo

Gela. Ennesimo incendio d’auto la scorsa notte in città. In via Milazzo, nel quartiere Carrubbazza, i vigili del fuoco e la polizia sono intervenuti per l’incendio di una macchina.

Nessuna estorsione alla società di trasporto, tutti assolti gli otto imputati

Gela. “I fatti non sussitono”. Così, è arrivata l’assoluzione per otto imputati, tutti affiliati ai gruppi locali di Cosa nostra e Stidda.

Un furgone contro la sua Multipla, l'accusa è di omicidio colposo: morì un 58enne

Gela. Un terribile schianto che, nel luglio di cinque anni fa lungo la 115 Gela-Licata, costò la vita al cinquantottenne Emanuele Zappadata.

Auto e moto in città, due aziende fallite e soldi distratti: accuse contro i titolari

Gela. Avrebbero cercato di distrarre fondi alla curatela fallimentare delle loro due aziende. Così, i magistrati della procura gli contestano i reati di bancarotta fraudolenta e documentale.

L'eroina da Milano: parla Trubia, "Gambuto cercò di ammazzarmi ma lo perdonai"

Gela. “Cercò di uccidermi più volte su ordine di Maurizio Morreale ma, dopo, lo perdonai e divenne un mio fedelissimo”.

La Dia sequestra a Milano beni per 700 mila euro all'imprenditore Cammarata

Gela. Maxi sequestro a Gela. Beni per 700 mila euro sono stati sequestrati dalla Dia di Caltanissetta, all’imprenditore Alberto Cammarata, 44 anni, di Gela, secondo gli inquirenti vicino al capo indiscusso di Cosa nostra del nisseno, Piddu Madonia.

Altre Notizie

Il Comune informa

 

Notizie dal Mondo

 

Pediatria

 

JA Teline IV
Galleria fotografica
JA Teline IV
Video Gallery