Cronaca

Infiltrazioni mafiose nei cantieri della Cittadella: scontro Muncivì-Giorrannello

Gela. Si sono accusati a vicenda davanti al presidente Paolo Fiore e ai giudici Luca Solaini e Fabrizio Molinari. Ieri mattina, a Palazzo di giustizia, è andata in scena una nuova udienza del processo che vede come imputato l’imprenditore, ed ex consigliere comunale, Francesco Muncivì insieme ai fratelli Giuseppe e Silvio Giorrannello.

Le accuse contestate dal pubblico ministero Onelio Dodero riguardano la presunta infiltrazione d’imprese controllate dai gruppi locali di stidda e cosa nostra tra i cantieri del complesso abitativo La Cittadella.
“Ho accettato che le società guidate dai fratelli Giorrannello lavorassero per conto delle cooperative impegnate alla Cittadella – ha ammesso Franco Muncivì rispondendo alle domande poste dai difensori Flavio Sinatra e Antonio Gagliano – perché ero intimorito. Francesco Vella mi disse, durante un incontro organizzato dai Giorrannello, che se le loro società non avessero avuto le autorizzazioni per avviare i cantieri, nessuno avrebbe lavorato”.
Muncivì ha descritto un sistema incentrato su presunte pressioni che giungevano non solo da cosa nostra ma anche dalla stidda.
“I lavori alla società Rudeve – ha continuato – vennero assegnati perché i responsabili di quel gruppo si presentarono insieme a Carmelo Fiorisi, Enrico Maganuco e Franco Morteo”.
Il geometra, inoltre, non ha neanche nascosto i rapporti che, stando alla sua versione, i fratelli Giorrannello avrebbero avuto con la famiglia Emmanuello. Diametralmente opposta la versione fornita da Giuseppe e Silvio Giorrannello. “A comandare era solo ed esclusivamente Franco Muncivì – hanno detto – ci conosceva già prima dell’avvio dei cantieri alla Cittadella. Fu proprio lui a mandarci nella casa di campagna della famiglia Emmanuello per eseguire alcuni lavori che non ci sono mai stati pagati”.

Aggiungi commento

Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni del giornale quotidianodigela.it
Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto. Ad esempio, i commenti non dovranno contenere:
- espressioni volgari o scurrili
- offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale
- esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc.
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel disclaimer non verranno pubblicati. Si raccomanda di rispettare la netiquette.


Codice di sicurezza
Aggiorna

Altre Notizie

Il Comune informa

 

Amici a 4 zampe

 

Pediatria

 

JA Teline IV
Galleria fotografica
JA Teline IV
Video Gallery