Accusato di aver ordinato l’omicidio di Matteo Mendola, confermata la scarcerazione per Cauchi

 
0
Il corpo di Mendola ritrovato nei boschi di Pombia

Novara. E’ accusato di essere il mandante dell’omicidio del trentatreenne Matteo Mendola, gelese da anni residente a Busto Arsizio insieme alla famiglia. Per l’imprenditore edile Giuseppe Cauchi però i giudici della Corte di Cassazione hanno confermato la scarcerazione. Non è più detenuto dopo che lo scorso ottobre i giudici del tribunale del riesame di Torino hanno accolto il ricorso presentato dai difensori, gli avvocati Flavio Sinatra e Cosimo Palumbo. La misura nei suoi confronti è stata revocata. I pm della procura di Novara, però, si sono rivolti ai giudici romani per ottenere una decisione che potesse ripristinare la detenzione in carcere. I difensori si sono opposti, ritenendo fondata la decisione del riesame. I giudici romani di Cassazione non hanno accolto il ricorso della procura (ritenendolo inammissibile) e Cauchi continuerà a seguire il processo a suo carico senza la misura della custodia in carcere.

E’ attualmente a giudizio davanti alla Corte d’assise di Novara. L’uomo, a sua volta gelese, avrebbe incaricato due sicari, Antonio Lembo e Angelo Mancino (già condannati a trent’anni di reclusione ciascuno dal gup novarese). Mendola sarebbe stato attirato in una trappola e ucciso tra i boschi di Pombia, nel novarese. Venne raggiunto da colpi di pistola e finito con un corpo contundente, una batteria per automobile. Sarebbe stato vittima di un probabile regolamento di conti. Gli investigatori ritengono che i contrasti tra i due gelesi sarebbero maturati negli ambienti criminali della provincia di Varese, dove risiede una folta comunità originaria proprio di Gela.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here