Acqua di Disueri scaricata in mare, rabbia agricoltori: “Non si può andare avanti così”

 
0
L'acqua della diga Disueri scaricata in mare

Gela. L’acqua della diga Disueri scaricata in mare. La rabbia degli agricoltori è ormai una costante, mentre la Regione ha deciso di liberarsi dell’acqua, che invece è merce rara tra i campi. Anche questa mattina, diversi agricoltori del territorio hanno fatto sentire la loro voce. Mentre le aziende fanno fatica a ricevere regolari forniture, nonostante i canoni pagati, l’acqua della diga viene scaricata in mare. Non si conoscono le ragioni di questa decisione, ma alcuni operatori hanno anche tentato di dare comunicazione al sindaco Lucio Greco. “Ieri, tutti hanno parlato della necessità di salvaguardare le risorse idriche – dice Liborio Scudera che da anni chiede impegni concreti per il settore agricolo locale – oggi, invece, dobbiamo vedere l’acqua che finisce in mare, in un periodo per noi fondamentale, visto che difficilmente nei prossimi mesi ci saranno piogge abbondanti. Come dovremmo andare avanti? Sappiamo che la responsabilità non è del Consorzio di bonifica, visto che la competenza sulle dighe è ormai della sola Regione. Nessuno ci dà spiegazioni. E’ tutto assurdo, anche perché l’acqua di Disueri, in questo periodo, è stata usata per le forniture alle utenze cittadine di Gela”.

Con le dighe del territorio, da decenni a mezzo servizio o quasi del tutto fuori uso, l’acqua diventa fondamentale per le colture e tanti agricoltori non riescono più a gestire un ciclo delle produzioni, che senza forniture costanti è impossibile da portare avanti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here