Padre e figlio accusati di tentato omicidio, fissato l’interrogatorio in carcere

 
0
Giuseppe e Simone Rinella

Gela. Verranno sentiti domani, in carcere a Balate, il cinquantottenne Giuseppe Rinella e il figlio ventottenne Simone. Sono accusati del tentato omicidio di un giovane, che la scorsa estate è stato vittima di una violenta aggressione. E’ stato colpito alla testa con un martello da fabbro, riportando gravi ferite. Sono accusati di tentato omicidio e a loro i carabinieri del reparto territoriale e i pm della procura sono arrivati anche a seguito di quanto ricostruito dalla vittima. Dietro all’aggressione ci sarebbero risentimenti legati ai rapporti tra il giovane e una ragazza, fidanzata di Simone Rinella. Gelosie che avrebbero indotto padre e figlio a scagliarsi contro il presunto rivale.

Entrambi hanno diversi precedenti penali alle spalle. Si presenteranno davanti al gip probabilmente per dare la loro versione dei fatti. Sono difesi dall’avvocato Giovanni Bellino.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here