Al via i festeggiamenti di don Bosco, don Terrana avverte: “Manca il lavoro, i giovani emigrano”

 
0
Don Paolo Terrana, direttore Salesiani

Gela. I giovani al centro delle attività promosse dal centro di formazione salesiani diretto da don Paolo Terrana. I festeggiamenti di don Giovanni Bosco, fondatore dei salesiani, si sono rivelati propizi per tracciare un bilancio delle attività dello storico centro di formazione del Villaggio Aldisio e lanciare un monito alle istituzioni.

“I giovani vivono problematiche legate alla mancanza di lavoro – spiega don Paolo Terrana, direttore dei salesiani – che sfocia in emigrazione. Continuiamo ad assistere alla perdita di giovani costretti a spostarsi all’estero. La scorsa settimana cinque saldatori gelesi sono andati in Francia”. Lo storico centro di formazione gelese che aveva subito un duro colpo con il governo Crocetta continua ad attraversare un momento difficile anche col nuovo presidente Musumeci. “Con la formazione la Regione non sempre è puntuale – incalza don Terrana -, cerchiamo di andare avanti”.

Intanto, domani iniziano i festeggiamenti di san Giovanni Bosco, fondatore dei salesiani

“Iniziamo con la celebrazione di San Francesco di Sales – aggiunge don Paolo Terrana – che ha fato il nome al centro salesiano. Seguirà la consegna della strenna di don Bosco e manifestazioni religiose e sportive, dove i giovani sono sempre i protagonisti tra il triduo, celebrazioni eucaristiche e una processione”.

Il giorno della festa è anticipato da una veglia nella parrocchia San Sebastiano martire “perché riteniamo – conclude don Terrana – che don Bosco è un dono per l’intera città”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here