Allerta Covid, Trainito: “Medici di famiglia sono pienamente disponibili a vaccinare”

 
1
Trainito si rivolge agli uffici del Comune e alla Ghelas

Gela. “I medici di famiglia, in città, sono pronti a mettersi a disposizione per somministrare i vaccini anti-Covid”. Il presidente della commissione sanità Rosario Trainito, anche nelle ultime ore, è stato contattato da più medici di base, che escludono qualsiasi contrarietà ad intervenire nella fase di vaccinazione. “C’è piena disponibilità – spiega ancora Trainito – non riesco a capire da dove possa essere uscita la voce, infondata, che darebbe i medici della città non disponibili a vaccinare. Anche la direzione Asp sa bene che c’è collaborazione da parte dei medici. Come presidente della commissione sanità, già alcune settimane fa avevo proposto un coinvolgimento dei medici di base, che peraltro conoscono molto bene i loro pazienti e hanno tutti i dati disponibili. In questa fase, bisogna essere tutti responsabili e i medici della città certamente lo sono”.

Anche il medico di famiglia Gianni Incardona, coordinatore eletto Aft, spiega che non c’è alcuna ritrosia da parte dei medici di base della città. “I medici di famiglia della città, in questo periodo di forte pandemia, hanno praticato migliaia di vaccinazioni antinfluenzali ai propri pazienti e non si capisce il motivo per cui si sarebbero dovuti rifiutare, qualora fosse stato richiesto dall’Asp, di dare un sostegno e un’organizzazione per praticare la vaccinazione anti-Covid. Mi assumo la responsabilità di asserire, con assoluta certezza, che laddove l’Asp dovesse avere la necessità di collaborazione da parte dei medici di famiglia, questi risponderebbero senz’altro, presente! A tal proposito – dice Incardona – i medici di famiglia della città che fanno capo all’Aft, di cui sono coordinatore eletto, sono pronti a mettersi a disposizione della direzione strategica aziendale laddove fosse necessaria la loro competenza e professionalità. A questo proposito, faccio presente che il 26 ottobre 2019 nei quattro distretti dell’Asp Cl2 si sono svolte le elezioni di undici coordinatori delle Aft che fanno capo all’Asp Cl2. Si tratta di Aggregazioni funzionali territoriali, composte da non meno di venti medici di famiglia, che assistono circa 30 mila cittadini, le cui funzioni sono quelle di avere una distribuzione capillare nel territorio, di dovere prendere in carico pazienti fragili, cronici, oncologici, immunodepressi e di riuscire a garantire anche in periodi di forte criticità finanziaria, e ovviamente in questo periodo di forte crisi pandemica, assicurando un controllo sanitario capillare sulla popolazione assistita dalle ore 8 alle 24”.

1 commento

  1. La nostra classe medica dimostra come sempre la loro alta professionalità e umanita e disponibiltà a venire incontro ai propi assistiti affinchè possiamo tutti essere vaccinatinel più breve tempo possibile,Grazie a tutta la classe medica di base

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here