“Bene l’apertura di Di Cristina…ora tavolo centrosinistra”, Alario: “Coinvolgere anche ex dem”

 
0
Giampaolo Alario sta per chiudere con la coalizione pro-Spata

Gela. “Dalle parole si passi subito ai fatti. Convochiamo prima possibile un tavolo del centrosinistra cittadino, ma senza preclusioni. Aperto anche a chi si è allontanato dal Partito Democratico”. Giampaolo Alario, uno dei dirigenti più longevi del Pd locale, si rivolge direttamente al segretario Peppe Di Cristina e lo fa all’indomani dell’apertura piuttosto palese giunta proprio dalla segreteria del partito. “Fa piacere constatare che Di Cristina abbia espressamente riconosciuto la nuova guida regionale di Davide Faraone – continua Alario – non è una cosa da poco, soprattutto perché arriva da un esponente che sosteneva la candidata rivale Teresa Piccione. Mettiamo da parte le polemiche e coinvolgiamo direttamente Faraone e il vicesegretario regionale Antonio Rubino. Non dimentichiamo che al voto, tra qualche mese, andrà la quinta città siciliana. Anche i vertici regionali dovranno comprendere la centralità delle elezioni gelesi”. Alario, che in passato ha ricoperto il ruolo di vicesegretario provinciale, è tra gli esponenti locali schierati a sostegno di Davide Faraone e insieme al segretario cittadino dei Giovani Democratici Stefano Scepi si è messo alla testa di un fronte ben assortito (soprattutto in provincia) che chiede spazio e l’avvio di una nuova fase nel partito guidato da Di Cristina. “Apriamo un confronto vero sul programma e anche sui candidati – spiega ancora – prima di guardare ad alleanze ampie o agli eventuali rapporti con Forza Italia, pensiamo invece a valutare se ci sono le possibilità di costruire un’alleanza di centrosinistra, rinunciando ad inutili dissapori. Lo dobbiamo fare per dare alternative vere alla città”. Il gruppo dei pro-Faraone, almeno in città, non è di certo maggioranza nel partito ma dopo quanto accaduto a Palermo inizia a chiedere una discussione politicamente franca, anche nel tentativo di ottenere un chiaro riconoscimento.

I messaggi lanciati in direzione del segretario cittadino, del resto, non mancano. “Di Cristina segretario provinciale del Pd? E’ sicuramente un ottimo profilo – conclude Alario – ma anche in questo caso, tutto dipende dal dialogo e dal confronto”. L’avvio di un tavolo ampio del centrosinistra e la possibilità che l’area Faraone possa contare di più negli schemi (anche elettorali), sembra un viatico quasi imprescindibile per poi dare il via libera alla segreteria provinciale di Di Cristina.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here