“Con crisi sanitaria rischio usura è concreto”, antiracket lancia sportello solidarietà

 
0
L'antiracket sostiene lo sportello di solidarietà

Gela. Il pericolo è molto concreto. La crisi, in un territorio già destabilizzato dal bisogno economico, rischia di trascinare tanti tra le mani degli usurai. Con gli istituti di credito che non assicurano flessibilità e senza altre fonti, piccoli imprenditori, esercenti e lavoratori di diversi settori sono sempre più in difficoltà. L’associazione antiracket “Gaetano Giordano”, presieduta da Renzo Caponetti, aderisce all’iniziativa dello sportello di solidarietà, lanciata dalla Fai nazionale. Mercoledì verrà presentata nella sede locale dell’antiracket, in centro storico. “In questo periodo di grande difficoltà economica conseguente all’emergenza Covid-19 ci aspettiamo che la mancanza di liquidità e l’incertezza per il futuro determinino in particolare un acuirsi di fenomeni di usura, con tutte le gravi conseguenze non solo per le vittime ma anche per lo stesso sistema economico del Paese – si legge in una nota – ad una situazione straordinaria bisogna rispondere in maniera altrettanto straordinaria, per cui la Federazione Antiracket Italiana vuole, con questo strumento, essere ancora più incisiva e veloce nel dare la possibilità di farsi aiutare: basterà telefonare allo 081 5519555 oppure scrivere all’indirizzo di posta elettronica [email protected] per chiedere di organizzare una videochiamata di primo contatto con i nostri esperti, eliminando problemi di tempi e costi di spostamento”.

Di recente, sindacati e organizzazioni datoriali del commercio hanno pubblicamente denunciato il rischio che con la ripartenza tante piccole realtà economiche possano andare verso il tracollo, esponendosi finanziariamente per poi finire nel giro dell’usura.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here