“DiventeràBellissima scelga da che parte stare”, Scerra: “Alla riunione c’era esponente del partito”

 
2
Scerra chiede ad Orlando di fare chiarezza sulle scelte di DiventeràBellissima

Gela. “Prima di tutto, il commissario cittadino di DiventeràBellissima farebbe bene a spiegare qual è la posizione del suo gruppo rispetto al ricorso al Tar e all’esposto in procura presentato da Giuseppe Spata”. Il capogruppo consiliare di “Avanti Gela” Salvatore Scerra, che ha voluto il mini vertice di mercoledì, convocato per mettere insieme tutti gli esponenti dell’alleanza elettorale di centrodestra, non fa mistero di non aver gradito la reazione dell’avvocato Michele Orlando, commissario cittadino del partito del presidente della Regione Nello Musumeci. Per Orlando, non può esserci centrodestra in città senza DiventeràBellissima. “E’ evidente che il commissario abbia frainteso il concetto di coalizione – dice Scerra – la riunione ha interessato non il centrodestra ideologicamente inteso, ma il centrodestra cittadino dell’area di opposizione. Il commissario non è nemmeno ben informato ed aggiornato perché all’incontro, su mio invito, era presente un valido rappresentante di DiventeràBellissima, l’avvocato Anna Comandatore, che è vice coordinatore provinciale ed è stata candidata, in quota DiventeràBellissima, nella lista “Avanti Gela”, della quale sono capogruppo”.

Scerra, che guarda al ricorso ma sembra intenzionato anche a ricostruire le fondamenta politiche del centrodestra cittadino, sfida Orlando sui “posizionamenti”. “Chiarisca prima e meglio le posizioni interne di partito – aggiunge – così da rappresentarlo come componente di centrodestra. Non mi resta che dedurre un malriuscito tentativo di riempire qualche trafiletto giornalistico volto a non lasciare morire nell’oblio DiventeràBellissima in città”. Non a caso, Scerra richiama anche la vicenda del consigliere comunale Vincenzo Cascino, da sempre vicino a Musumeci ed ex capogruppo di DiventeràBellissima, ma che in consiglio è indipendente ed ha scelto di candidarsi nelle liste pro-Greco. Nel centrodestra qualcosa si muove e gli assestamenti potrebbero produrre le prime fratture.

2 Commenti

  1. Scerra paladino del CDX e leader di se stesso o meglio di Federico. Siete diventati tutti bruttissimi. La gente capisce e una volta con crocetta un altra volta con Fasulo e ora mi parlano di centro Destra!!! A lavorare dovete andare.

  2. La cosa che qualcuno deve evidenziare….. è che Scerra deve smetterla di parlare di centro Destra perché senza l’UDC, forza Italia e diventerà bellissima, non c’è alcun centro Destra ma solo accozzaglie di salta fosse.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here