Divieti violati, responsabile market: “Escono più volte al giorno anche per acquisti da pochi centesimi”

 
3
I controlli della municipale in centro storico

Gela. “Nonostante l’emergenza, continuano ad affollare il supermercato anche per acquisti di pochi centesimi e spesso più volte al giorno”. E’ preoccupato il responsabile di un punto vendita della città, che però intende rimanere anonimo, anche per non mettere a rischio la propria attività. Spiega di essere stanco di vedere tanti clienti che, pur di passeggiare e muoversi, affollano i corridoi del market nel quale lavora, presentandosi più volte al giorno. “Per fare una passeggiata, uscendo di casa – continua – sono disposti a mettersi in fila, attendendo per ore. Non hanno capito che c’è in atto un’emergenza e ogni misura violata è un potenziale rischio per tutti, soprattutto in questa fase”. L’uomo che ha deciso di rivolgersi alla nostra redazione, seppur in maniera da non essere riconosciuto, ammette che sono tanti quelli che lasciano le loro abitazioni e affollano il market, più volte nell’arco della stessa giornata. “Sono stufo di avere a che fare con chi decide di mettere a repentaglio la sicurezza di tutti noi – aggiunge – sono pronto anche a fornire scontrini che dimostrano quanto sto dicendo. C’è chi entra nel nostro supermercato, dopo aver atteso in fila, anche solo per un acquisto di pochi centesimi. Questo, lo ripeto, accade più volte al giorno e le facce sono spesso sempre le stesse. E’ ora di finirla e di rispettare le disposizioni, così da superare prima possibile questa fase di emergenza”. Uno sfogo che arriva in un momento molto delicato, con i casi di contagio da Covid che stanno aumentando anche in città.

“Noi siamo in prima fila – conclude – come i medici o gli infermieri. Non riesco più a sopportare l’irresponsabilità dimostrata da chi sistematicamente viola gli obblighi dettati dal governo, pur di fare una passeggiata all’aria aperta”.

3 Commenti

  1. SOLUZIONI:
    – schedare tutti i clienti all’entrata dei supermercati da parte di volontari o forze dell’ordine o addetti alla vigilanza del supermercato stesso,in modo da elaborare un database e impedire l’accesso della stessa persona piu’ volte nella stessa settimana.
    – mettere un minimo di spesa da effettuare ad esempio non si fa spesa per meno di 50€

    le soluzioni si trovano…..

  2. perchè non prevedere un minimo di spesa, così la smettono di cazzeggiare nei supermercati…ma cos’è il nuovo sport??? ma poi non hanno un cavolo da fare in casa??

  3. Sei una grande persona a denunciare questo fatto!!
    Vivo a bergamo e vi posso dire che c’è di avere paura è anche tanta, purtroppo litaliano è fatto così !! Si lamenta sempre e non rispetta quasi mai le regole ?! Per non parlare di alcuni paesani!! Io farei modello Filippine o Cina!! Se sei in giro per niente ti sparo!!lo volete capire che non passa più sta merda e se arriva lì a Gela sarà una mattanaza??

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here