Droga nella movida, Grillo va ai domiciliari: confermato carcere a Radicia

 
0

Gela. Lascia il carcere e sarà sottoposto agli arresti domiciliari. I giudici del tribunale del riesame di Caltanissetta hanno in parte accolto il ricorso presentato dal legale di fiducia del ventisettenne Rocco Grillo (l’avvocato Davide Limoncello), arrestato nelle scorse settimane perché coinvolto nell’inchiesta “Smart”. Per i pm della procura e per i carabinieri avrebbe avuto un ruolo attivo nello spaccio di droga su larga scala in città. La cocaina sarebbe finita nella movida del fine settimana. Accuse che la difesa ha contestato dopo aver impugnato l’ordinanza. Non ci sarebbero mai stati concreti riferimenti alla disponibilità di stupefacenti da parte del giovane, almeno secondo la linea esposta.

Dall’indagine è inoltre emerso un collegamento diretto tra Grillo e Antonio Radicia, a sua volta arrestato. Rispetto alla posizione del trentatreenne, però, i giudici nisseni hanno respinto il ricorso presentato dai legali Paolo Turco e Davide Limoncello, che lo assistono.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here