“E’ ancora pericoloso”, 41 bis rinnovato ad Alferi: venne arrestato nel blitz “Inferis”

 
0
Per Alferi è stato rinnovato il regime del 41 bis

Gela. La decisione è stata ufficializzata a livello ministeriale e comunicata anche alla difesa del cinquantaseienne Peppe Alferi. E’ stato rinnovato il regime del carcere duro, che gli venne imposto dopo l’arresto nel blitz “Inferis”, per il quale è stato condannato in via definitiva. Negli scorsi mesi, il legale che lo rappresenta, l’avvocato Maurizio Scicolone, si era rivolto ai giudici del tribunale di sorveglianza di Roma. In base al reclamo proposto, sarebbero venuti meno i presupposti per giustificare il regime del carcere duro. Secondo la difesa, Alferi non farebbe parte di organizzazioni mafiose e anche lui stesso ha sempre negato di essere un boss. Per il tribunale di sorveglianza romano e per l’antimafia nazionale, è però ancora pericoloso e sarebbe in grado di riallacciare rapporti con altri esponenti di organizzazioni mafiose. I pm della Dda di Caltanissetta ritennero di aver individuato un terzo gruppo di mafia, autonomo da stidda e Cosa nostra, retto proprio dal cinquantaseienne.

Tutti motivi alla base della conferma del regime del carcere duro e del rigetto del reclamo, disposto dalla sorveglianza di Roma, che ha la competenza a decidere in materia di 41 bis.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here