“Gestione rifiuti è fallimentare”, Scerra: “Serve trasparenza anche su Timpazzo”

 
1
Scerra chiede trasparenza anche su Timpazzo

Gela. Quella dei rifiuti e più in generale delle attività dell’assessorato ambiente, da un anno in capo al sindaco Lucio Greco, “è una gestione fallimentare”. Il capogruppo di “Avanti Gela” Salvatore Scerra reputa del tutto “inefficace” l’azione del sindaco, che ha preso in mano la delega dopo le dimissioni dello scorso anno dell’ex assessore dem Grazia Robilatte. “Non posso non ricordare di essere stato tra i primi fermi e convinti sostenitori dell’espletamento della gara pluriennale per l’assegnazione del servizio della gestione dei rifiuti, arrivando perfino, alla luce della sua manifesta ed indubbia inconcludenza, a chiedere ed ottenere la sfiducia dell’amministrazione retta dal duo Messinese-Siciliano. Siamo andati avanti – dice Scerra – una nuova amministrazione si è presentata alla città, ma, dopo appena dodici mesi di governo, a luglio dello scorso anno l’assessore in quota Pd ha rassegnato le sue dimissioni e da quel momento la sesta città siciliana è stata gestita dal primo cittadino con risultati imbarazzanti, che hanno addensato l’oscurità su questo servizio pubblico”. Scerra spiega che l’amministrazione comunale, con il sindaco in testa, non ha fatto nulla per rendere proporzionali i pagamenti imposti ai cittadini rispetto al servizio rifiuti, ad oggi ritenuto non conforme. “Nessuno, sindaco, giunta, consiglieri di maggioranza, si batte perché venga applicato il principio di proporzionalità e corrispondenza tra tasse versate e servizi usufruiti. Nessuno programma e rende esecutive azioni mirate ad incentivare il cittadino al fine di ottemperare alla raccolta differenziata. Il cittadino, al contrario, desiste da ogni dovere in tal senso davanti ad un’amministrazione assente, sorda alle esigenze degli utenti. E’ inconcepibile che debbano essere i privati, da soli o attraverso i comitati di quartiere, a prodigarsi per mantenere pulite le vie e le piazze – aggiunge – sostituendosi all’amministrazione per espletare un servizio che è pubblico”. Scerra era tra i consiglieri che hanno cercato di effettuare un’ispezione a Timpazzo e non si tira indietro nel richiedere più trasparenza, anche alla luce dei tanti sospetti che si sono succeduti nell’ultimo periodo.

“Ma alle deludenti prestazioni si aggiungono riflessioni più amare, concernenti l’azione pubblica nella gestione territoriale che manca di trasparenza. Non si può tacere il fatto che sulla vicenda Timpazzo aleggi un inaccettabile silenzio di una parte della politica che, al contrario, avrebbe strumenti e voce per chiarire ai cittadini lo stato delle cose, ed invece li lascia nel dubbio e nella diffidenza. Personalmente, già a novembre scorso, durante una seduta di consiglio comunale monotematico, ho provato a fare la mia parte chiedendo al sindaco se fosse a conoscenza di certi movimenti e di assunzioni all’interno della Srr. Risposte non ne sono mai pervenute – aggiunge Scerra – né spontaneamente né su istanza. Rimangono troppi lati oscuri, troppa leggerezza e superficialità per un argomento che meriterebbe importante attenzione da parte della politica che amministra. Al contrario, si fa finta di non sentire e non vedere”. Valutazioni pesanti che arrivano all’inizio di una settimana cruciale per le sorti della gara per il servizio rifiuti. Anche su questo aspetto Scerra attende che le posizioni del sindaco si concretizzino. “L’opposizione ha il dovere morale e istituzionale di denunciare tutto quello che ritiene non funzionante o poco chiaro. Mi auguro che queste mie parole, che contengono un grido che deriva dai cittadini esasperati da inefficienze ed ombre, possa determinare il sindaco a trasmettere al consiglio comunale gli atti e i documenti su, questo tema caldissimo riferendo all’aula ogni chiarimento necessario e opportuno. Per concludere, mi preme ricordare – dice – l’impegno assunto dal sindaco innanzi al consiglio comunale, ovvero escludere ogni ipotesi di affidamento della gestione del servizio rifiuti ad una società in house, la “Impianti Srr”.

 

 

 

1 commento

  1. Lasciate lavorare il sindaco non si può sempre e quotidianamente criticare.
    Se oggi anziché fare opposizione costruttiva si fa solo quella distruttiva e demeriti saranno anche vostri.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here