Gli spari contro un rivale in via Tevere, in appello ridotta la condanna a Parisi

 
0
L'intervento dei polizotti dopo gli spari

Gela. Nel giugno di un anno fa, il gup del tribunale l’ha condannato a tre anni di reclusione. E’ stato il ventiduenne John Parisi a sparare contro un suo coetaneo in via Tevere. I proiettili esplosi dalla pistola l’hanno raggiunto ad una gamba. I giudici della Corte d’appello di Caltanissetta, dopo il ricorso presentato dal difensore di Parisi, l’avvocato Davide Limoncello, hanno accolto il concordato. La condanna è stata ridotta a due anni e quattro mesi di reclusione. I poliziotti del commissariato risalirono a Parisi, dopo aver analizzato anche le immagini dei sistemi di videosorveglianza della zona. I colpi d’arma da fuoco vennero esplosi nonostante la presenza di decine di avventori delle attività commerciali della zona.

Tra i due ci sarebbe stata una rivalità legata ad un rapporto sentimentale stretto dall’imputato con l’ex compagna del giovane ferito. Ruggini che sono finite nel piombo dei proiettili. Inizialmente, il giovane venne accusato di tentato omicidio, poi derubricato in lesioni. Parisi è stato condannato anche per il possesso dell’arma.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here