Greco, “su giunta non escludo nulla”: Di Stefano, “dimissioni? Mai esistite”

 
0
Greco rilancia messaggi all'opposizione e Di Stefano esclude dimissioni

Gela. A ventiquattro ore dal pronunciamento del Cga, che ha messo fine alla diatriba giudiziaria sulle amministrative dello scorso anno, il sindaco Lucio Greco, con la conferenza stampa di giovedì, è tornato a farsi sentire, con toni molto accessi, attaccando pesantemente l’opposizione e i “personaggi” che si muoverebbero dietro a quello schieramento. Del resto, che qualcuno abbia tentato di manovrare contro la sua giunta Greco lo spiegò già alcuni mesi fa, sollevando ombre ancora più pesanti. Allo stesso tempo, con una maggioranza che non lo segue solo sulla “fiducia” ma cerca garanzie amministrative e politiche, il sindaco sa che sbattere la porta in faccia all’opposizione conviene poco. Usa spesso una strategia di avvicinamento, intervallata poi da lunghi periodi di scontro totale. Subito dopo la conferenza stampa di giovedì, è tornato ad usare questo tipo di “psicologia” politica. “Voglio amministrare la città insieme a tutti – ha detto – anche con i consiglieri di opposizione. Del resto, se dall’opposizione arriveranno stimoli e impulsi positivi, potrà essere un vantaggio per l’amministrazione e per la maggioranza”. Il giorno precedente alla conferenza stampa, l’approccio morbido l’aveva usato durante un confronto avuto con i capigruppo della sua alleanza e con quelli di opposizione. Ha ribadito lo stesso concesso, “collaboriamo”, mentre illustrava i progetti dell’amministrazione, partendo da strumenti strategici (ad oggi del tutto ininfluenti) come l’accordo di programma. Di assessorato, riferendosi a quello all’ambiente lasciato libero dal Pd, è tornato a parlare, in attesa di sciogliere la riserva. La delega, per ora, ce l’ha in mano lui stesso, in una fase molto delicata soprattutto per il servizio rifiuti. “La nomina dell’assessore va concordata con la maggioranza”, ha precisato. Però, lascia aperte anche altre piste. “Azzeramento della giunta? Non escludo nulla, ma tutto deve passare dal confronto. Non guardiamo alle poltrone ma agli interessi della città. Tutti dobbiamo lasciare da parte eventuali affari privati e dedicarci solo al bene della città”. Nel recente passato, tra le anime critiche della coalizione “arcobaleno” dell’avvocato ci sono stati i civici di “Una Buona Idea”. I rapporti istituzionali, oggi, sembrano certamente migliorati e la presenza in giunta del vicesindaco Terenziano Di Stefano serve anche come ponte politico.

Ieri, si era diffusa la voce che qualcosa non fosse andata per il verso giusto, a causa della conferenza stampa convocata da Greco e trasformata in spazio istituzionale del Comune (il Corecom regionale ha spiegato che per il servizio di comunicazione istituzionale l’ente avrebbe dovuto provvedere con gara pubblica e non con affidamento diretto alla Media Master press). Sono state date per certe le dimissioni del vice dell’avvocato, poi ritirate. “Dimissioni? Non sono mai esistite – spiega invece Di Stefano – non ho condiviso il fatto che la conferenza stampa, che toccava temi politici, passasse come spazio istituzionale del Comune. Ho espresso la mia opinione e basta. Altro che dimissioni. Sono stato nominato dal sindaco e scelto da “Una Buona Idea”. Possono essere solo loro a decidere sulla mia presenza in giunta, che lo ripeto non è assolutamente in discussione. Mi spiace per chi ha messo in giro queste voci, creando solo inutile allarmismo”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here