La crisi dell’indotto Eni, Castania: “Più investimenti o 1.500 operai in mezzo ad una strada”

 
2
Uno dei presidi organizzati negli scorsi mesi dagli operai Turco

Gela. Servono investimenti aggiuntivi per evitare il collasso definitivo dell’indotto Eni. Mentre i presidi degli operai della Turco Costruzioni sono stati allentati, in attesa di chiamate dalle aziende che dovrebbero assorbire i trentasei licenziati, l’ennesimo allarme arriva dal segretario confederale della Uil Maurizio Castania. “Senza investimenti aggiuntivi – ha dichiarato all’Adnkronos – e l’avvio di nuovi cantieri, i 1.500 lavoratori dell’indotto della raffineria si ritroveranno presto in mezzo alla strada”. Il sindacalista rispolvera la necessità della formazione degli operai, eventualmente da ricollocare in nuovi ambiti di produzione. “Serve una riqualificazione del settore attraverso corsi di formazione che la Regione ancora non ha fatto partire – ha proseguito – le numerose aziende dell’indotto si ritrovano oggi con troppi operai e poco lavoro, ecco perché è importante rispettare le previsioni dell’accordo di programma”.

Mancano cifre chiare e la Regione non ha ancora scoperto tutte le carte di una vicenda mai così complessa. Senza i soldi della L’accordo di programma fermo. Regione, l’accordo di programma sarà una scatola vuota, trascinandosi dietro l’area di crisi complessa. Ai presidi, i lavoratori della Turco Costruzioni aspettano la chiamata delle aziende. Da ieri mattina, hanno allentato i blocchi, come gesto di buona volontà dopo l’incontro in prefettura. Adesso, tocca alle aziende e ad Eni chiudere il cerchio, anche se il caso della Turco Costruzioni potrebbe essere solo il primo di una lunga serie.

2 Commenti

  1. Castania mi fai proprio ridere ahahahahahahahahah ormai ci rimane solo questo BUFFONI, dopo tre anni ci viene a dire che quasi tutti gli operai dell’indotto tra qualche mese saranno tutti disoccupati, che scoperta lei e tutti gli altri BUFFONI tre anni fa prima di firmare quell’accordo inutile non lo sapevate che si perdevano tanti posti di lavoro soprattutto nell’indotto, Castania inizia a dire a quelli del diretto di preparare le valigie che tra qualche mese toccherà pure a loro il trasferimento, a Gela l’industria dell’ Eni e fallita e tutti i settori ad essa collegate servizi, forniture, appalti, GRAZIE CASTANIA, CATANIA, EMILIANI, E L’ALTRO FANTASMA NON MI RICORDO PIU COME SI CHIAMA, POI UNA GRANDISSIMO GRAZIE VA SARO CROCETTA L’ULTIMO SAMURAI E A TUTTI I POLITICI A DE SCALZI A MATTEO RENZI BUFFONIIIIIIIIIII, saluti a tutti

  2. prima firmate “l’accordo” e ora dite che ci saranno 1500 famiglie in mezzo alla strada… davvero? mi sembra di vedere Emilio Fede in tv che dice ” CHE FIGURA DI M….A!”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here