La marijuana nascosta tra i cespugli a Caposoprano, un giovanissimo rilasciò una versione falsa?

 
0

Gela. Venne arrestato con l’accusa di spacciare marijuana a Caposoprano. La droga veniva nascosta tra i cespugli di un’area verde prima di essere piazzata. Davanti al giudice Chiara Raffiotta, però, è finito a rispondere di falsa testimonianza. Si tratta del ventiquattrenne Giuseppe R. Secondo i magistrati della procura, avrebbe rilasciato false dichiarazioni in aula proprio in merito alla vicenda dello spaccio di marijuana. All’epoca dei fatti, venne arrestato insieme ad un coetaneo a conclusione di un’indagine condotta dai carabinieri. Il giovane è difeso dagli avvocati Francesco Enia e Lia Comandatore. Nel corso dell’udienza, ad essere sentito in qualità di testimone è stato proprio uno dei carabinieri che si occupò delle indagini. “La droga veniva nascosta tra i cespugli – ha ammesso – gli acquirenti erano giovani che frequentavano la zona di Caposoprano. Prima, c’era la consegna dei soldi e, poi, il passaggio della droga”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here