L’ex provincia mette all’asta kartodromo, palalivatino e parco di Montelungo

 
0

Caltanissetta. L’ex provincia mette all’asta quattro opere pubbliche che ad oggi sono in totale stato di abbandono. Dopo essere stata totalmente silente e assente, lasciando che teppisti, ladri e vandali deturpassero dei piccoli gioiello, il Libero Consorzio Comunale di Caltanissetta ha deciso di dare in affidamento alalivatino, Kartodromo e Parco Montelungo a Gela e Palacarelli a Caltanissetta, al fine di renderli pienamente fruibili ed aperti al pubblico.

L’idea è quella di valorizzazione ogni struttura ed affidare in locazione a titolo oneroso, attraverso procedure ad evidenza pubblica, previa esecuzione dei necessari interventi di manutenzione straordinaria, ristrutturazione, recupero o riqualificazione, gli immobili di sua proprietà per singoli lotti.

Il bando, che è reperibile sul sito internet www.provincia.caltanissetta.it alla sezione bandi e contratti di “Amministrazione trasparente”, prevede il pagamento di un canone annuo e l’iniziale investimento, da parte dell’aggiudicatario, di un capitale da destinare alla ristrutturazione ed alla manutenzione dell’immobile, per rendere pienamente funzionale la struttura affidata.

Quindi l’ex Provincia chiede ai nuovi gestori di usare i propri soldi per svolgere i lavori, scomputandoli dai canoni di affitto annui. Il costo? Presto detto.

Il canone annuo di base, su cui l’operatore economico potrà fare la sua offerta, è di 18.000 euro per il kartodromo, 5.500 euro per il Parco Montelungo, 20.000 euro per il Palalivatino e 46.850 euro per il Palacarelli.

La durata della locazione è stabilita in minimo 6 anni e massimo 50 e sarà rapportata all’entità dell’investimento. Così ad esempio per una locazione di 6 anni è previsto un investimento minimo di 90.000 euro, mentre per una locazione di 20 anni è previsto debba effettuarsi un investimento di almeno 440.000 euro circa.

Il bando prevede la possibilità che, in aggiunta all’attuale destinazione d’uso che consente lo svolgimento delle attività  sportive, culturali, ricreative e di altra natura, per cui le strutture furono costruite nel perseguimento di finalità  di interesse pubblico, si possano esercitare anche altre attività, comunque coerenti e compatibili con il Prg del Comune in cui ricadono gli immobili ed essere preventivamente autorizzate dal Libero Consorzio Comunale di Caltanissetta.

Il bando scadrà il prossimo 30 settembre alle 12, entro questa data occorrerà presentare il plico con l’offerta temporale e l’offerta economica. La prima, come detto, comporterà a seconda della durata un investimento iniziale per rendere funzionale l’impianto, la seconda un’offerta in aumento rispetto al canone posto a base di gara.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here