L’Ugl avverte Musumeci, “ambiguità sull’accordo di programma”: Alario, “Tanti fanno campagna elettorale”

 
0
Alario e l'Ugl sono molto scettici davanti alle misure del governo

Gela. “Troppe ambiguità, anche nelle parole del presidente della Regione Nello Musumeci”. Il segretario confederale dell’Ugl Andrea Alario teme che i fondi dell’accordo di programma possano finire nel nulla, soprattutto dopo che il governatore, nel corso della sua visita in città, ha ammesso che gli attuali venticinque milioni di euro non sono sufficienti. “Al momento della firma al ministero – continua Alario – Musumeci ha parlato di accordo che avrebbe assicurato il rilancio del territorio. Durante la sua visita istituzionale in città, invece, ha detto che i venticinque milioni non bastano. Bisogna invece fare presto. La città non può continuare ad essere considerata solo alla stregua di un bancomat di voti. Perché non è ancora partito lo sportello di Invitalia? Perché non si procede con i bandi regionali?”. L’Ugl, quindi, non condivide le recenti posizioni del presidente Musumeci, che in sostanza ha ripreso le preoccupazioni della triplice di Cgil, Cisl e Uil, ferma nel ritenere del tutto inadeguato lo stanziamento da venticinque milioni di euro, che dovrebbe coprire uno specchio territoriale fatto da oltre venti comuni dell’area di crisi complessa.

“Probabilmente, qualcuno non ha ancora capito a cosa servano l’area di crisi complessa e l’accordo di programma – dice ancora Alario – dobbiamo rischiare gli errori di sempre, con i soldi che prenderanno altre direzioni? Se i venticinque milioni di euro non sono sufficienti, allora anche la Regione dovrebbe contribuire con altri stanziamenti. Entro fine dicembre bisogna attivarsi per non perdere il treno dei contratti di sviluppo, altrimenti sarà tutto inutile. Sull’accordo di programma temo che troppi stiano facendo solo campagna elettorale e invece si sottovalutano i temi veri, a cominciare dall’interesse di aziende che vorrebbero investire sul territorio ma a queste condizioni rischiamo di vanificare tutto”. Nonostante una certa vicinanza politica tra l’area di centrodestra al governo della Regione e l’Ugl, il sindacato lancia un monito piuttosto chiaro al presidente Musumeci.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here