“L’unica anomalia in giunta era il Pd”, Incardona: “Rapporto politico con Greco solido”

 
2
Incardona spiega che il rapporto con il sindaco rimane politicamente solido

Gela. Nella “telenovela” politica dei rapporti tra l’amministrazione comunale e il governo Musumeci, che ormai si muovono sempre più tra alti e bassi, è soprattutto l’Udc ad essere tirato in ballo. Nel governo regionale, i centristi locali hanno due riferimenti non da poco, gli assessori Alberto Pierobon e Mimmo Turano. Il gruppo cittadino, da inizio anno, fa parte della maggioranza del sindaco Lucio Greco e schiera in giunta l’assessore Danilo Giordano. Un passaggio, quello dalla coalizione di centrodestra alla giunta “arcobaleno”, che ha fatto sobbalzare molti. Anche diversi alleati vedono nell’Udc un’anomalia, soprattutto quando si tratta di fare i conti con i tanti tagli ai finanziamenti imposti dal governo Musumeci e appoggiati, tra gli altri, proprio da centristi e da Forza Italia (altro partito che appoggia Greco ma poi si trova nella stessa situazione a Palermo). Come riportato ieri, Greco ha scelto di impugnare anche l’ultima delibera del governo regionale che conferma il definanziamento da 33 milioni di euro del “Patto per il Sud”, mentre martedì ha ricevuto rassicurazioni sui tempi di avvio dei lavori del Museo del mare e del porto rifugio. Una situazione politica certamente non semplice da interpretare, ma che secondo il consigliere comunale Udc Salvatore Incardona non mette in discussione il rapporto con i primo cittadino. “Rimane assolutamente solido – spiega – a differenza di quello che strumentalmente pensano molti, l’Udc è stato tra i primi partiti a sposare il progetto di Greco. L’abbiamo subito sostenuto, insieme a Forza Italia. Ci siamo allontanati solo perché ritenevamo che il Pd non potesse arrivare e dettare le regole, anche sulla questione della presentazione dei simboli. E’ inutile che i democratici continuino a strumentalizzare vicende come quella del “Patto per il Sud”. E’ chiaro ormai che lo facevano solo per preparare la campagna elettorale in vista delle prossime regionali. Non perdono occasione per dirsi opposizione a questa giunta. Credo che fosse il Pd la vera anomalia e non certamente il nostro ingresso in giunta. Il modello che si è strutturato è quello del governo regionale e stiamo lavorando con molto impegno. La giunta Greco è una giunta più di centrodestra”.

Negli scorsi mesi, l’Udc locale ha annunciato altre adesioni, con gli ingressi dell’avvocato Sergio Antonuccio e di Nicola Gennuso. A breve, Incardona dovrebbe lasciare la guida della segreteria cittadina. Verrà ufficializzato l’ingresso di un altro professionista, Salvatore Morana. “Speriamo di poterlo fare alla presenza dei vertici regionali”, aggiunge Incardona. Dall’Udc arriva un’indicazione rivolta al sindaco. “Credo che il sindaco debba stringere i tempi per arrivare alla nomina del nuovo assessore all’ambiente – conclude il consigliere – è una delega molto importante, soprattutto con una gara ancora da assegnare e con il servizio che va sempre tenuto sotto stretta osservazione. Il sindaco ha già oneri amministrativi molto pesanti da portare avanti”.

2 Commenti

  1. “Verba volant, scripta manent ”
    i soldi del patto per il sud per Gela
    hanno preso altri lidi , tutto ratificato dal presidente Musumeci , tutto il resto sono chiacchiere

  2. Morana il salto fosso😂😂😂😂, prima con collura, poi la figlia candidata con il movimento cinque stelle e ora con l’UDC . È l’occasione giusta per farsi confermare alla Regina Margherita.
    Il tempo mi darà ragione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here