Nel centrodestra non c’è ancora l’accordo, rimane il rischio divisione: contatti Lega-Federico

 
0
L'unità del centrodestra è ancora lontana

Gela. Trovare l’accordo per non spaccare il centrodestra sarà un auspicio difficile da concretizzare. Le trattative in atto non coinvolgono tutti i possibili alleati e rimane l’incognita dei “civici”, che a breve dovranno decidere se accettare le lusinghe, in questa fase provenienti principalmente dal gruppone di centrodestra. Il tavolo unico è ormai un lontano ricordo, praticamente accantonato. Si va avanti con incontri tra gruppi, più o meno ufficiali. L’asse che potrebbe mettere insieme Lega, “civici”, Fratelli d’Italia, DiventeràBellissima e Energie per l’Italia sembra quello più probabile. Lo snodo del candidato sindaco, però, non sarà semplice da dipanare. C’è chi non vorrebbe fare passi indietro e anche tra i “civici” probabilmente le pretese aumentano. Non sembrano esserci indicazioni precise e sullo sfondo rimane la guerra forzista. Gli azzurri “ufficiali” e i “dissidenti” sono entità politiche del tutto differenti e ognuno pare destinato ad andare per la propria strada. Negli ultimi giorni, ci sono stati contatti tra Pino Federico e i leghisti. L’ex deputato all’Ars, che guida la fronda contro il coordinatore provinciale Michele Mancuso, starebbe sondando il campo e forse anche per questo ha scelto un profilo, per ora più coperto. Sarebbe stato lui a chiedere un confronto, anche se la Lega rimane cauta. Potrebbe approfittare del “vuoto di potere” nel centrodestra cittadino per proporre un proprio progetto elettorale e vedere chi ci sta, a partire dai salviniani che hanno ufficialmente detto no a qualsiasi intesa con la Forza Italia “ufficiale”. Da quanto trapela, però, lo stesso Federico non avrebbe accantonato i canali aperti con qualche esponente del centrosinistra.

Nel fine settimana, si preannunciano altri incontri d’area e qualcuno sta cercando di capire se il candidato in pectore Maurizio Melfa voglia scendere a più miti consigli, magari rinunciando alla corsa personale e accettando l’ingresso nell’alleanza. Anche i centristi di Noi con l’Italia, fermi nel caldeggiare la soluzione di Vincenzo Cirignotta (unica loro indicazione come possibile candidato a sindaco), stanno tentando di ottenere garanzie che però il resto del centrodestra cittadino non appare intenzionato a concedergli. Quelli del centrodestra vorrebbero mettere nero su bianco l’accordo finale, con tanto di candidato a sindaco, non oltre fine febbraio. Con le urne fissate per il 28 aprile, i tempi stringono ma i candidati abbondano e se qualcuno dovesse ritenersi escluso allora potrebbe tentare la sortita verso altri lidi politici, senza simboli se non quello della “grande alleanza”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here