“Più servizi sanitari danno dignità alla città”, Giudice: “Ospedale da rafforzare”

 
1

Gela. “Migliorare la sanità locale significa dare dignità ad un’intera comunità”. Il sindacalista Ignazio Giudice, della segreteria regionale Cgil, ha più volte chiesto un rafforzamento dei servizi per l’ospedale “Vittorio Emanuele” e l’avvio di neuropsichiatria viene visto come un primo passo in questa direzione. Per il sindacalista, però, c’è ancora tanto da fare. “Se una comunità vince una battaglia vuol dire che la strada è quella giusta per i cittadini. La stessa strada va percorsa fino in fondo, per questo la Cgil non molla – dice – la sanità dignitosa può e deve esistere. Arrivano in città sette infermieri per il nuovo reparto di neuropsichiatria, un fatto storico per la sanità locale che profuma di normalità e noi, tutti noi, non dobbiamo spegnere i riflettori sulla sanità pubblica che deve e può migliorare fino a realizzare il nuovo ospedale, ricco di servizi da potenziare come la breast unit, con tre unità e non più due, un chirurgo estetico e un’autonomia completa. Così vale anche per il centro trasfusionale e il reparto di oculistica”.

Di recente, Giudice ha vissuto in prima persona l’esperienza della degenza e sta concentrando gli sforzi del sindaco, nella direzione di un miglioramento complessivo del sistema sanitario locale. “Andiamo avanti, con la dignità che spetta ai gelesi e ai siciliani – conclude – sono cittadini europei e non vogliono esserlo solo sulla carta. Una nuova cittadinanza è possibile, questa è una certezza”.

1 commento

  1. Doveva esserci la psichiatria e la Neurologia ,reparti indipendenti sono due reparti completamente diversi come al solito a noi Gelesi ci danno il contentino e la neurochirurgia che doveva aprire che fine ha fatto?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here