“Riunione non è servita”, Trainito: “Giunta e Ghelas da rivedere, sì Pd ma decida”

 
0
Trainito continua ad essere molto scettico sulla linea politica del sindaco

Gela. “La riunione di maggioranza non è servita a niente”. Il consigliere indipendente Rosario Trainito non usa troppi giri di parole, riferendosi al confronto di inizio settimana, voluto dal sindaco Lucio Greco dopo le plateali contestazioni dell’ala “critica” della sua maggioranza. Trainito è stato tra quelli che ha più volte chiesto al sindaco di cambiare linea, aprendo ad un’azione amministrativa che potesse coinvolgere tutti i pezzi dell’alleanza. “Il sindaco continua a decidere senza consultare nessuno e Italia Viva è tranquillamente in giunta – spiega Trainito – non mi va di gettare benzina sul fuoco né è una questione che riguarda solo Italia Viva o l’assessore Cristian Malluzzo, però il sindaco deve decidere cosa vuol fare. Mi sento preso in giro. Deve continuare a gestire potere solo con chi vuole lui oppure si darà spazio all’interesse della città? Sono stanco di ripeterlo, perché a questo punto mi chiedo a cosa serva essere consigliere comunale. Io faccio politica. Ora, attendiamo che ci convochi per capire cosa si siano detti con il Pd”. Trainito, che ad inizio anno ha lasciato il gruppo politico dell’avvocato, in aperto dissenso con quella linea, fa capire in modo diretto che anche gli equilibri sono da rivedere. “A Forza Italia spetta il secondo assessorato – dice ancora – è un partito di governo che ha sempre sostenuto il progetto di Greco e ha riferimenti in Regione e a Roma. Bisogna rivedere la posizione di alcuni assessori che non rappresentano nessuno, non hanno consiglieri. Anche su Ghelas tutto andrebbe rivalutato, i programmi iniziali erano diversi”. Un capitolo a parte, invece, tocca al Pd. Trainito non chiude preventivamente. Non ha mai nascosto di guardare esclusivamente al centrodestra ed è vicino all’area di Forza Italia e al deputato regionale Michele Mancuso, ma non mette veti su un eventuale ritorno dei dem in maggioranza e in giunta.

“Ci sono sempre stati, fin dall’inizio – conclude – hanno contribuito alla vittoria del sindaco. Il fatto che Greco discuta con i rappresentati del Pd, per me non è un problema, purché decidano cosa vogliono fare”. Le parole di Trainito sono il segno tangibile di un dissenso interno, che il sindaco non riesce ancora a far rientrare.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here