Sammito: “Tensioni? La città aspetta risposte, altrimenti si allontanerà ancora di più”

 
0
Il presidente Sammito teme che le tensioni allontanino la città dal Palazzo

Gela. La tensione all’interno della maggioranza c’è e si sente tutta. Ieri, il sindaco Lucio Greco, particolarmente toccato dagli attacchi dei suoi stessi alleati, ha parlato di “traditori” che starebbero alzando il tiro solo per esercitare un “potere di ricatto”. Parole molto pesanti, soprattutto perché rivolte a chi sta ancora nell’alleanza che lo sostiene. Il clima politico sta diventando sempre più pesante e se ne è accorto il presidente del consiglio comunale Salvatore Sammito. Pur facendo parte del gruppo di “Un’Altra Gela”, quello del sindaco Lucio Greco, il presidente non sembra voler prendere posizione, ma teme che quanto sta accadendo incida ancora di più sull’idea che la città ha della politica e di chi è chiamato ad amministrare. “Le contestazioni politiche che, nell’ultimo periodo, arrivano dalla maggioranza e dall’opposizione, ma anche dal primo cittadino – dice – hanno come conseguenza finale quella di allontanarci tutti dalla città, intesa come centro dove vivono cittadini e quindi persone che, giornalmente, dalla politica si aspettano risposte. Non si può negare che in questo momento il dibattito politico si è fatto teso e questo non giova al territorio”. Per Sammito, sarebbe invece necessario evitare di rompere il fronte e riaprire un dialogo vero, anche con la città.

“Non metto in dubbio che la tensione sia certamente il frutto di una riflessione interna alla politica – aggiunge – ma è la conseguenza finale che dobbiamo evitare, cioè lo svantaggio che ne può derivare ad un’intera città. Mi auguro, quindi, che passata questa fase di frizione, peraltro naturale nei rapporti politici, si possa far quadrato intorno alla città. Spero anche che questi giorni di pausa e di riflessioni per la Pasqua, possano contribuire a rilanciare i rapporti e a guardare ancora con più convinzione alla città, che si aspetta risposte concrete”. Sammito sembra voler fare da paciere, anche se i rapporti tra il sindaco e una parte importante della sua maggioranza rischiano seriamente di essere compromessi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here