Sbarra alzata e accesso libero in ospedale, i “tagli” colpiscono anche la portineria

 
0
L'accesso al piazzale interno dell'ospedale "Vittorio Emanuele".

Gela. Portineria vuota e accesso incontrollato in ospedale. Almeno nelle ore diurne. Sarebbe questo il risultato dei continui “tagli” economici ordinati dal management dell’Asp di Caltanissetta al presidio ospedaliero “Vittorio Emanuele”. Nei giorni scorsi è stata diramata una missiva che, di fatto, congela tutti gli straordinari del personale paramedico mentre prosegue la protesta silente degli operatori dell’ospedale di via Palazzi che ormai da anni aspettano il riconoscimento economico per il servizio di portineria svolto nelle ore diurne.

Il braccio di ferro contro i diversi management dell’Asp cl2 è sfociato in una drastica riduzione della disponibilità a coprire un servizio vitale che la notte continua ad essere affidato alle guardie armate. Da domani pomeriggio la portineria, dell’ospedale diretto da Luciano Fiorella, potrebbe essere vuota e la sbarra di accesso carrabile al piazzale dell’ospedale sarebbe costretta a restare alzata. Secondo alcune voci di corsia le organizzazioni sindacali comparto sanità starebbero lavorando per concertare un’azione di rivendicazione contro il management dell’Azienda sanitaria provinciale. Abbiamo cercato inutilmente di contattare il direttore generale Alessandro Caltagirone in assenza anche di un ufficio stampa. Rimaniamo a disposizione per un eventuale replica.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here