Scicolone, “Patto per la città a supporto di Greco”: “Andiamo oltre i simboli”

 
0
Scicolone sta con il patto pro-Greco

Gela. Un patto per la città a sostegno del “civico” Lucio Greco che possa coinvolgere anche forze di centrosinistra. L’avvocato Maurizio Scicolone di Progetto Gela chiede a tutti i gruppi disponibili di mettersi insieme, anche rinunciando ai simboli di partito. “Invito le forze civiche e di centrodestra che fanno riferimento all’avvocato Lucio Greco a fare sintesi con l’autorevolezza delle liste e delle idee dei partiti e movimenti del centrosinistra per il bene della città – dice – dando un forte mandato ad un sindaco condiviso per dare dignità e sviluppo economico ai gelesi, dove l’azione liberal-popolare del centrodestra trovi la sintesi con le forze democratiche e progressiste del centrosinistra, rappresentando insieme alle migliori energie intellettuali e professionali della città il cambiamento per una classe dirigente locale idonea a risolvere i problemi per una città vivibile, moderna e indirizzata verso la crescita. Si trovi la sintesi”. Fino ad ora, secondo Scicolone che adesso appoggia apertamente Greco, anche i deputati non sono riusciti ad incidere nella trattativa. “Abbiamo onorevoli del territorio che sono inefficaci per la risoluzione dei problemi della città, addirittura che si occupano di beghe interne o di titolarità di simboli dei partiti – continua – come se a noi cittadini e alla vera base del centrodestra interessasse partecipare agli equilibri interni dei partiti e a nomine di commissari inadeguati e di parte, senza assicurare al territorio locale il collante tra la politica e gli investitori, tra coloro che vogliono lavorare, produrre e coloro che hanno gli strumenti normativi per la pianificazione dello sviluppo”.

Il patto per la città deve però trovare forma prima possibile. “Ripeto che è l’ora delle scelte, della responsabilità e della rottamazione della strabica, vecchia politica, senza farsi condizionare dalle barriere dei partiti – spiega ancora – dei loro simboli e da schieramenti solitari. Personalmente metto a disposizione la mia esperienza di professionista e la sede dell’associazione Progetto Gela affinché si convochi urgentemente entro i prossimi giorni un tavolo tecnico tra tutte le forze politiche che vorranno aderire al Patto per la Città, anche se qualche partito, per questioni di simboli, dovesse tirarsi indietro, il Patto per la Città avrebbe la maggioranza per le condizioni di governabilità, ossia il 40 per cento. Pensiamo ad una politica di alto profilo etico, senza steccati, barriere e simboli di partito. Qualcuno rifletta. L’associazione Progetto Gela invita tutte le forze politiche responsabili a scrivere ed attuare il programma di rilancio economico. No alle danze di politici locali come Balanzone, Arlecchino e Pulcinella, e sì alla responsabilità per il Patto per la Città”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here