Servizio idrico, passaggio Ato-Ati: Conti ha scritto ai sindaci e si terrà assemblea

 
0
Conti ha scritto una nota indirizzata a tutti i sindaci dell'Ati

Gela. La transizione dall’Ato Cl6 alla nuova Assemblea territoriale idrica non si è ancora perfezionata. E’ un passo essenziale, prima di poter arrivare ad una decisione sulle sorti del servizio idrico integrato, che fino a qualche mese fa (almeno prima dell’emergenza Covid) è stato al centro di un ampio dibattito, con una forte indignazione degli utenti, costretti a pagare bollette salate a fronte di un’offerta decisamente poco efficiente. Ieri, il sindaco di Niscemi Massimiliano Conti ha scritto a tutti i primi cittadini dell’Ati, compreso l’avvocato Lucio Greco. Si va verso una nuova assemblea. “Servirà a fare il punto della situazione”, dice Conti. Pur con l’emergenza sanitaria in corso, ci sono state anche in questo periodo interlocuzioni con i funzionari della Regione, che attendono il passaggio dall’Ato all’Ati e anche una decisione sul futuro del servizio idrico integrato, che tanti rivorrebbero pubblico e non più affidato ai privati. I punti interrogativi sono ancora molti. Non si tratta solo di strutturare l’Assemblea territoriale idrica e renderla operativa, ma si pone il forte dubbio finanziario sul doppio lodo arbitrale che ha visto cedere l’Ato a vantaggio di Caltaqua.

Sulla carta, all’azienda italo-spagnola toccherebbero non meno di venti milioni di euro. Un fardello economico enorme per l’Ati, qualora si stabilisse che spetti proprio all’Assemblea territoriale subentrare nella copertura dei lodi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here