Servizio rifiuti, verso stop temporaneo a passaggio cantieri: incontro Srr-sindacati

 
0

Gela. Nelle prossime ore, sono in programma altre riunioni, compresa l’assemblea dell’Ato Cl2 che dovrebbe prendere atto delle dimissioni del commissario Giuseppe Panebianco. Intanto, la situazione complessiva nel sistema locale dei rifiuti è tutt’altro che fluida. Anche ieri, i sindaci della Srr e il presidente Salvatore Chiantia sono ritornati sul mancato passaggio di cantiere nei Comuni, i cui lotti sono stati assegnati alla Ecos srl di San Cipirello. L’azienda non ha ancora preso possesso dei cantieri a Niscemi, Butera, Mazzarino, Riesi, Delia e Sommatino. Negli ultimi giorni, sarebbero state sollevate questioni legate ad eventuali esuberi di personale, che i sindaci non intendono avallare. Pare che alla fine sia stato deciso di “congelare” tutti i passaggi di cantiere e intanto, attraverso un legale, la Srr farà i dovuti riscontri. Una decisione che potrebbe aprire ad una nuova proroga in favore di Tekra, che però già da diverso tempo ha annunciato di voler lasciare il servizio e ha presentato ricorso al Tar, anche chiedendo un risarcimento dei danni subiti per aver dovuto operare senza adeguamento dei canoni (fermi al 2014). Anche i sindacati, che ieri hanno incontrato Chiantia, parlano di una situazione ancora tutta da definire per i passaggi di cantiere, ma non accetteranno esuberi. Ad oggi, non hanno mai potuto avere un confronto diretto con i vertici della nuova azienda. Il presidente della Srr, inoltre, ha rimesso il veto sull’eventuale assunzione del personale Ato, già in servizio al 31 dicembre 2009.

“Per noi, la questione rimane aperta – dice invece il segretario provinciale della Fp-Cgil Rosanna Moncada – è chiaro che gli unici due dipendenti in servizio per Srr non si possono caricare l’intero peso delle attività, su una pianta organica che comunque conta dodici dipendenti. Chiantia è rimasto fermo sulla sua iniziale posizione”. Tutto questo, mentre in città è ripresa la protesta degli ex operai Tekra, i cui contratti non vennero rinnovati dall’azienda campana. Manca ancora un’intesa complessiva sul bacino di disponibilità, ma l’azienda ha nel frattempo effettuato nuove assunzioni a tempo determinato. Ieri, nel corso di una conferenza stampa, il sindaco Lucio Greco ha parlato di “emergenza ereditata” dalla sua amministrazione. Manca inoltre qualsiasi assegnazione della gara d’appalto, andata deserta per cinque volte.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here