Sì a mozioni Pd e “Avanti Gela”, Farruggia: “Su disabili commissione lascia l’aula”

 
0
Dall'opposizione sono arrivate diverse richieste rivolte all'amministrazione comunale

Gela. La politica continua a pesare sulle decisioni dell’assise civica e accade anche quando si tratta di mozioni, presentate in aula. Quasi a sorpresa, questa sera in apertura della seduta di question time, c’è stato un sì piuttosto ampio alla mozione portata in aula dai dem Gaetano Orlando e Alessandra Ascia (firmata anche da Sandra Bennici di Fratelli d’Italia). Già questa mattina, il Pd locale e quello di Niscemi avevano presentato l’iniziativa per un vasto progetto di riutilizzo delle acque reflue depurate, da destinare all’agricoltura e non solo. La proposta ha ottenuto il supporto di quindici consiglieri. Non solo i voti favorevoli degli stessi democratici e della grillina Virginia Farruggia (del resto l’asse romano Pd-M5s si fa sempre più evidente anche a livello locale), ma nonostante le perplessità la proposta ha ottenuto l’appoggio anche dei consiglieri di “Un’Altra Gela”, dei civici di “Una Buona Idea” e del gruppo di Forza Italia, oltre al voto favorevole dell’opposizione di centrodestra. Solo l’Udc si è astenuto. I rapporti piuttosto burrascosi, almeno in questa fase, tra il Pd e l’amministrazione comunale non si sono fatti sentire, come sembrava invece probabile. Il capogruppo Orlando ha parlato di “una proposta che non ha colore politico”. Stesso discorso, anche se una prima mozione è passata solo sul filo del rasoio, con i consiglieri più vicini al sindaco Lucio Greco che hanno votato no, si è registrato per le proposte avanzate dai consiglieri di “Avanti Gela”, Salvatore Scerra e Gabriele Pellegrino. Sono state approvate le mozioni per la trasmissione in diretta delle sedute di consiglio comunale sulla pagina facebook del Comune di Gela e quella che prevede l’installazione di un sistema di colonnine elettriche per ricaricare veicoli elettrici di nuova generazione, con l’abbattimento di emissioni dannose in atmosfera. Solo la prima mozione è passata con 9 sì, 6 no e 3 astenuti. La proposta sull’installazione delle colonnine, invece, ha avuto pieno appoggio, con sedici voti favorevoli. Il consigliere Scerra ha parlato di un “grande successo nonostante il no del gruppo del sindaco”. Le ruggini politiche ci sono e si fanno sentire, anche dopo lo scontro plateale, registratosi la scorsa settimana durante il monotematico sull’emergenza sanitaria.

E’ mancato il numero legale, infine, quando si è trattato di passare al voto della mozione presentata dalla grillina Virginia Farruggia. Il consigliere pentastellato voleva impegnare l’amministrazione comunale a dare seguito agli interventi per l’adeguamento delle fermate dei bus urbani, così da renderle fruibili ai diversamente abili, come da tempo chiesto dalle associazioni locali. Farruggia, in passato, aveva già presentato un’interrogazione sul tema, senza che però Palazzo di Città abbia dato effettivo riscontro. Questa sera, la grillina avrebbe voluto avere risposte più precise. Al momento del voto, solo dodici presenti e la proposta dovrà essere ripresentata il mese prossimo. “Faccio i complimenti soprattutto ai componenti di maggioranza della commissione servizi sociali, tutti usciti dall’aula al momento del voto – dice in maniera ironica – fanno politica su un tema che è di tutta la città e l’hanno trasformato in una prova di forza. Sono gli stessi consiglieri, che poi in commissione si occupano dei temi della disabilità. Purtroppo, alla prova dei fatti i consiglieri Valeria Caci, Salvatore Incardona e Romina Morselli, hanno preferito lasciare l’aula, facendo cadere il numero legale”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here