Sì definitivo a proroga Via per base gas, Giudice: “E’ solo l’inizio…vertenza prosegue”

 
0

Gela. Lo sblocco definitivo della proroga Via per la base gas di Eni, con la firma di ieri sera del ministro dei beni culturali Dario Franceschini, è solo l’inizio. Il segretario confederale della Cgil Ignazio Giudice, anima della vertenza “Sblocca Gela”, ritiene che la mobilitazione debba andare avanti. “Finalmente il progetto industriale Argo-Cassiopea ha completato l’iter autorizzativo nei due ministeri, ora la questione è solo della Regione Siciliana che deve certificare lo stato di bonifica del suolo dove saranno svolti i lavori”, dice. I dati pessimi dell’economica territoriale non lasciano troppo spazio all’immaginazione.

“Questo è solo l’inizio. È già stata inviata ai sindaci della provincia una lettera a mezzo pec, tanti hanno già risposto positivamente sul piano dell’impostazione e dei contenuti – continua – è la stessa lettera con cui li invitiamo a convocare Anas e Ferrovia dello Stato per comprendere come avverrà il rilancio della mobilità dipendente dai treni e dall’anello autostradale, del Cas e ancora delle strade di Niscemi bloccate e di quelle dei Comuni del Vallone. Ribadiamo che la strategia è quella giusta e la coesione di intenti dà forza alle idee e alle speranze di chi non vuole vivere in una provincia arretrata tanto da essere la 107esima su 107 in Italia. Da fanalino di coda si può e si deve partire, anche per questo la rivendicazione continua perché di certo non ci si può accontentare di ciò che in queste settimane si è ottenuto. Pretendiamo risposte sulla sanità pubblica, l’agricoltura e l’inclusione del nostro territorio nel circuito turistico. Si va avanti con la stessa determinazione iniziale”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here