“Spata ha sbagliato tutto”, Sincero: “Bassezze uniche e ricorso solo per tutelare interessi”

 
1
Sincero chiama in causa gli alleati "critici"

Gela. “E’ stato superato ogni limite. Questo è un modo becero e grossolano di pensare la politica, che non ci appartiene”. Il capogruppo di “Una Buona Idea” Davide Sincero si rivolge direttamente alla coalizione di centrodestra che sostiene il leghista Giuseppe Spata, che ieri ha ufficializzato la presentazione di un esposto, sospettando che la “parte” del sindaco Lucio Greco voglia introdurre nel giudizio amministrativo al Tar, fissato per la prossima settimana, documenti “anomali”. Una mossa che ha fatto salire la tensione politica. “Chiunque ritenga di essere stato danneggiato, ha tutto il diritto di agire in giudizio. Ciononostante, ho sempre ritenuto questo ricorso volto solo ad annullare la volontà popolare, quasi a voler negare l’evidenza dei fatti e cioè che la città ha in maniera democratica scelto Greco come sindaco e la sua coalizione – continua Sincero – per cui è incontrovertibile che in questo caso da parte dei ricorrenti vi sia la necessità di proporre ricorso con l’unico e solo obiettivo di evitare di dare discontinuità amministrativa, forse per tutelare interessi particolari, alla luce anche delle ultime notizie lette a mezzo stampa, che hanno caratterizzato coloro che da sempre hanno amministrato e che oggi la città ha voluto all’opposizione. Aspetto ancora più grave e sicuramente più deplorevole è il tirare in ballo chi oggi non può difendersi. Le azioni descrivono chi le compie e quest’ultima non è solo eticamente di basso profilo, ma mi spingo a definirla una bassezza unica”. Il riferimento è alla nota dell’ufficio elettorale del Comune, firmata dal funzionario Fernando Incardona, morto ad inizio dicembre, che attesta la regolarità delle procedure di autenticazione delle firme nelle liste del sindaco Lucio Greco. Il documento è al centro dell’esposto presentato da Spata.

“Sbaglia tutte le mosse, dal non essere stato mai capace di guidare la coalizione che lo ha sostenuto, riducendosi ad un ruolo di comparsa – dice ancora Sincero – al dare in pasto ai media l’esposto come a voler intimorire qualcuno o forse nel tentativo di dimostrare che non è solo un ologramma nelle mani dei suoi alleati. A tal proposito, vorrei capire come si pongono i suoi alleati in riferimento a questo modus operandi. Noi lo avevamo già chiesto a giugno, ma allora non ci venne data nessuna risposta. Vogliamo capire se questa linea è condivisa dai partiti che sostenevano il candidato Spata e ancora ci chiediamo se gli alleati supportano il ricorso, visto che non sono firmatari, o semplicemente ne attendono l’esito. Sarebbe onesto chiarire alla città questa posizione, giusto per non lasciar pensare ad un gioco di attesa”. L’appello va oltre lo scontro in atto. “Bisogna riportare la politica, intesa come l’arte di governare le società – conclude – al centro del dibattito alzando il livello del confronto”. Tra ricorsi amministrativi ed esposti penali, l’aria politica si fa sempre più pesante.

1 commento

  1. Un eventuale ribaltone o meglio un nuovo Commissariamento del comune di Gela e megghiu che a Lega di Salvini si va a nascondersi perché il danno che arrecheranno sarà catastrofico per confermare gli attuali aumenti deliberati dal precedente commissario.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here