Stop ai soldi delle royalties per coprire i buchi di bilancio, la commissione punta ad un regolamento

 
1

Gela. Il calo, soprattutto negli ultimi anni, è stato drastico. Le royalties estrattive versate da Eni al Comune non sono più la manna dal cielo di un tempo. Sono ancora decisive per cercare di tenere in piedi i conti dell’ente, che rischiano di sprofondare, ma ormai anche gli uomini dei numeri in municipio sanno che non si possono più attendere “miracoli” finanziari. Le royalties, però, tornano al centro del confronto, almeno a Palazzo di Città. La commissione comunale sviluppo economico ha iniziato a valutare una nuova iniziativa politica, che possa condurre ad un regolamento definitivo. Da Palermo, inoltre, arrivano le novità della legge finanziaria, appena votata, che vincolano l’uso dei soldi delle royalties a capitoli di spesa precisi. Quindi, niente più royalties utilizzate per tappare i buchi di bilancio.

Dove vanno a finire i soldi delle royalties? “Anzitutto – dice il presidente della commissione Luigi Di Dio – vorremmo capire se già con il bilancio di previsione 2018 ci sarà il vincolo dell’uso dei fondi delle royalties. In finanziaria, all’Ars, sono passati emendamenti piuttosto chiari. Quindi, prima di ogni cosa, sarà necessario verificare come vorrà muoversi il dirigente al bilancio. Abbiamo ricevuto diversa documentazione dal consigliere Guido Siragusa, che in passato ha spesso approfondito l’aspetto degli introiti derivanti dalle royalties”. In municipio, manca un regolamento vero e proprio. Di Dio e gli altri componenti della commissione Sandra Bennici, Salvatore Scerra, Simone Morgana e Anna Comandatore hanno iniziato a valutare l’intera vicenda. Non sono da escludere eventuali audizioni di tecnici e dirigenti. A questo punto, sembrano intenzionati ad individuare i capitoli di spesa sui quali l’amministrazione comunale sceglierà di concentrare i soldi dell’Eni.

1 commento

  1. C. che manca un regolamento preciso. correggete ma in passato si e deliberato non ricordo bene il nome di quel regolamento. Che quelle somme devono essere spese per… Ma i paesi del nord e non che non opistano siti petroliferi come ca…. Fanno?

Rispondi a Brancacciivan Cancella la risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here