“Strade vanno ripristinate città non è terra di conquista”, aziende in municipio: “Sono partite prime sanzioni”

 
1
Da mesi si susseguono i disagi in tante zone della città

Gela. Li ha riuniti in municipio, chiedendo che si adeguino alle regole, ad iniziare dal ripristino delle strade, al termine dei tanti cantieri che si susseguono in città. Il sindaco Lucio Greco, nel primo pomeriggio di oggi, ha avuto un lungo confronto con i responsabili delle società che stanno effettuando lavori, da Caltaqua alla società che ha vinto la gara per la fibra ottica. “I cantieri vanno chiusi nei tempi previsti – spiega Greco – e, soprattutto, il manto stradale va ripristinato per come si deve, senza causare disagi ai cittadini. Gela non è territorio di conquista, per nessuno”. Da mesi, si susseguono mini cantieri, che troppo spesso lasciano segni indelebili, in diverse zone del perimetro urbano. “Le strade non possono essere lasciate in condizioni pessime o con rattoppi che sono inaccettabili – continua il sindaco – insieme ai tecnici del settore e al dirigente Emanuele Tuccio, abbiamo stilato un protocollo, che tutti devono rispettare”. L’incontro arriva dopo diverse segnalazioni e non sono mancate sfuriate dai residenti, che spesso si trovano quasi intrappolati tra cantieri permanenti e strade malmesse. “Il confronto è stato proficuo”, continua Greco.

I tecnici del Comune hanno già provveduto a sanzionare almeno due società, per una serie di violazioni accertate durante i cantieri. “E’ solo un primo passo – conclude Greco – tutti dovranno adeguarsi”. Nelle scorse settimane, l’invito a vigilare era arrivato anche dai banchi dell’opposizione, a cominciare dal consigliere di Fratelli d’Italia Sandra Bennici.

1 commento

  1. Chissà perché anche se vengono effettuati i ripristini, i chiusini lungo le strade non sono mai a livello , e non vengono contestati.
    Non c’è una strada asfaltata che non presenta tale anomalia.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here