Un viaggio per corrompere il primario dell’ospedale, medico va a processo: gup ha disposto giudizio

 
0

Gela. Avrebbe accettato un viaggio, già pagato, in cambio di presunte prescrizioni di favore. Il gup del tribunale di Catania ha disposto il rinvio a giudizio del medico Nuccio Condorelli, primario del reparto di urologia dell’ospedale “Vittorio Emanuele”. L’accusa mossa dai pm etnei è di corruzione. Al centro delle indagini, il presunto patto per favorire le prescrizioni di integratori alimentari. I pm, al termine dell’udienza preliminare, hanno chiesto il processo, ritenendo che le accuse siano state confermate. Pare che parziali ammissioni siano giunte anche dall’informatore farmaceutico che avrebbe proposto la “regalia”. A sua volta è stato sottoposto ad un procedimento penale. Il prossimo novembre il medico affronterà il giudizio. La difesa, anche in udienza preliminare, ha respinto le contestazioni. “Abbiamo grande fiducia nella giustizia – ha detto l’avvocato Tommaso Tamburino alla nostra testata – e siamo sicuri che riusciremo a provare l’insussistenza del reato contestato”. E’ ritornato sulle accuse mosse al primario. “La vicenda non riguarda forniture di farmaci ma di integratori alimentari – conclude – riteniamo che non ci sia alcun danno erariale per l’Azienda sanitaria e lo proveremo nelle sedi giudiziarie”.

L’Asp di Caltanissetta si è costituita parte civile e il gup ha accolto le richieste avanzate dal legale Marina La Boria. La competenza è dei giudici catanesi perché il viaggio sarebbe stato prenotato e organizzato attraverso un’agenzia del capoluogo etneo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here