“Candidato presidenza deve avere i nostri quindici voti”, Sincero: “Una Buona Idea in altri Comuni”

 
0
Il consigliere Davide Sincero

Gela. Riconfermato all’assise civica, tra le fila di “Una Buona Idea” è da sempre assai vicino al neo sindaco Terenziano Di Stefano. Il consigliere Davide Sincero, venerdì, giurerà, insediandosi insieme agli altri ventitré esponenti d’aula che hanno superato il vaglio delle urne. Sincero ha sostenuto, fin dai primi passi, il progetto civico. Ora, si trova in una maggioranza a tre colori, insieme a dem e grillini. Proprio venerdì ci sarà la prima verifica, partendo dalla presidenza del consiglio comunale. “E’ imprescindibile che ci sia compattezza e unità nella maggioranza – spiega – il nome condiviso per la presidenza dovrà avere i quindici voti dei consiglieri che sostengono il sindaco Di Stefano. Penso che l’accordo possa esserci così come capitato, senza alcun problema, per la scelta degli assessori”. I civici hanno dato disponibilità ad affrontare il primo approccio con l’aula, partendo dalla condivisione di un candidato distefaniano, sostenuto dai tre gruppi. L’aula dirà se la strada sia quella giusta, anzitutto su un piano politico. Sincero, inoltre, conferma che il progetto civico andrà avanti. “La gente ci ha dato fiducia oggi e lo aveva fatto già cinque anni fa – continua – abbiamo ottenuto un risultato elettorale maggiore di quello fatto registrare dalle liste di diversi partiti. Cinque anni fa ci cercarono tutti i partiti ma noi abbiamo deciso di andare avanti con un modello civico che riscuote consensi e non possiamo tradire la fiducia degli elettori. Anzi, stiamo lavorando affinché il nostro movimento possa arrivare in altri Comuni, sul territorio. Ci è stato chiesto. Vogliamo mettere le basi inoltre per un movimento giovanile. Tra cinque anni, sarà giusto che chi ha esperienza come me si faccia da parte, dando spazio a forze giovani per la città”. Tra le priorità della giunta Di Stefano, come era facile prevedere, c’è il dissesto dell’ente comunale. Sincero, durante la consiliatura appena chiusa, seguì l’intero evolversi della situazione, tra le fila della commissione bilancio. Fu tra quelli che propose misure da attuare come eventuali correttivi.

“Ho parlato con altri colleghi consiglieri – conclude – ritengo che tra le commissioni bisognerà fare in modo che quella bilancio sia forte e abbia al proprio interno professionalità che diano una mano concreta. Ci sono consiglieri che possono dare un contributo importante. C’è la collega del Pd Lorena Albiso, una commercialista che potrà dare suggerimenti proprio sul fronte delle vicende finanziarie del municipio. Lo schema delle commissioni? E’ giusto che sia il nuovo presidente del consiglio comunale a fare la propria proposta”. Sincero non si discosta dalla visione di un modello politico fuori dai partiti e ora comunque anello di congiunzione con il contesto progressista. Allo stesso tempo, fa capire che per i civici il rispetto degli equilibri di maggioranza sarà fondamentale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here