Asp e associazioni a confronto, Caltagirone: “Commissione per servizi a diversamente abili”

 
0
Il manager Caltagirone e i vertici Asp hanno incontrato i rappresentanti delle associazioni

Gela. L’Asp e le associazioni che assistono i diversamente abili del territorio cercano di arrivare ad un punto di incontro. Dall’avvocato Paolo Capici, riferimento dell’associazione H, qualche settimana fa è partito un esposto, nel quale ha denunciato i gravi ritardi per l’accesso alla riabilitazione dei bambini, nella fascia di età fino a cinque anni. Anche di questo hanno discusso il management e i rappresentati delle associazioni, non solo Capici ma anche l’altro avvocato Livio Aliotta, che è referente della Consulta delle disabilità. Il manager Asp Alessandro Caltagirone ha spiegato che rispetto ai problemi sollevati, almeno per la fascia di età fino a tre anni, non sussisterebbero ritardi di accesso alle attività riabilitative, anche perché è prevista “una corsia prioritaria di inserimento nei percorsi di diagnosi e cura”. Per i piccoli, di età compresa tra i tre e i cinque anni, invece, è stata ammessa la carenza di strutture e personale. E’ partita una richiesta all’assessorato regionale per aumentare i posti convenzionati di specialisti in logopedia e psicomotricità, da inserire in strutture accreditate.

I manager Asp hanno richiamato l’attivazione del Centro diurno sanitario, che dovrebbe partire a breve, ma anche la pubblicazione di bandi per la selezione di personale specialistico. Caltagirone ritiene necessario attivare una commissione, composta da esperti e rappresentanti delle associazioni, che possa monitorare le procedure di avvio delle strutture riabilitative ed eventualmente proporre l’attivazione di nuovi centri.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here