Un’azienda inglese guarda al progetto “Ciliegino”, parla il manager: “Potremmo concretamente pensarci”

 
2
La Tep sta valutando l'idea di proporre un'offerta per il progetto "Ciliegino"

Gela. Da mesi, ormai, è sceso del tutto il silenzio sul maxi progetto del polo agro-fotovoltaico, che sette anni fa era stato lanciato da Agroverde, con risultati fallimentari. I cantieri veri e propri non sono mai partiti, ad eccezione dei primi lavori di sbancamento delle aree, che hanno del tutto mutato la morfologia di una vasta zona, ricompresa tra le contrade Cappellania, Tenuta Bruca e Sant’Antonio. Nel corso del tempo, si sono susseguite le voci di aziende interessate a rilevare l’intero progetto, ma ad oggi non si muove nulla e il Comune si troverà ad affrontare il peso, non da poco, dei costi degli espropri. Tra inchieste giudiziarie e procedure mai troppo limpide, l’investimento non è stato concretizzato. La giunta del sindaco Lucio Greco, almeno per ora, non ha espresso una posizione ufficiale, limitandosi a sostenere che ci sarebbero aziende interessate. Gli ex proprietari attendono di essere indennizzati, ma a quanto pare sulle sorti del polo qualcuno potrebbe mettere gli occhi. Un interessamento, per ora solo potenziale, arriva dal manager Leonardo Montesi, che oggi guida la Tep Renewables, con sede legale a Coventry, in Inghilterra. Il ceo dell’azienda, da qualche tempo, segue le vicende del caso e non nega di stare riflettendo sul da farsi. “Un progetto in sé molto interessante, in quanto coniuga da un lato un’eccellente posizione-solarità dei terreni, con una conseguente ottima resa energetica, dall’altro, il fattore “zero consumo di suolo agricolo” – spiega – estremamente gradito dagli enti locali coinvolti. Con la possibilità di avviare produzioni agricole altamente specializzate che richiederanno un importante numero di addetti e quindi nuova occupazione. Non conosco i dettagli del progetto, ma certamente risponde alla visione che io e la mia azienda condividiamo e sul quale certamente investiremmo. Purtroppo, mi dicono che è un progetto arenato da tempo e di questo oggettivamente non comprendo i motivi”. E’ stato il manager a chiedere di poter intervenire pubblicamente, anche se in questa fase pare non abbia ancora avuto contatti con le istituzioni locali o con la cooperativa Agroverde. Le attenzioni della Tep Renewables, però, potrebbero diventare concrete. “Non conosco le vicende che hanno portato a questa stasi, sono passati ormai sette anni da allora – continua – se mi venisse offerta la possibilità di verificare concretamente la situazione e se i permessi e le autorizzazioni potessero essere trasferiti ad un nuovo ramo d’azienda, ci potrei concretamente pensare. Tep ha ricevuto mandato ad investire in progetti di questo tipo da un fondo istituzionale specializzato, che ha in programma di investire in Italia nel settore delle rinnovabili fino ad un miliardo di euro. In agosto, ho incontrato il presidente della società titolare del progetto, ma non mi è sembrato interessato a ricevere, almeno da noi, qualunque tipo di offerta”.

Quindi, un intervento di Montesi e dell’azienda che guida potrebbe esserci, solo a determinate condizioni e purché il progetto possa ancora ritenersi valido. La società sta investendo in Sicilia e il manager lo conferma. “La Sicilia è una delle regioni europee a maggior tasso di solarità, tutti vorremmo investire e Tep non fa eccezione. Abbiamo aperto recentemente un ufficio a Mazara del Vallo, nel quale impieghiamo personale locale specializzato, e in Sicilia abbiamo avviato un’interessante partnership con Enel Green Power, in ambiti anche estremamente innovativi – conclude – quello che ci preoccupa è la scarsa certezza sui tempi, che non è certamente collegata soltanto all’autorizzazione di progetti di centrali elettriche da fonti di energia rinnovabile. Quando un fondo di investimento, una banca o una qualunque società finanziaria programma un investimento, vuole sapere a monte quando e se potrà rientrare e conseguentemente avere un utile dallo stesso. Io amo la Sicilia e tutti gli anni vengo a passare qui parte delle mie ferie e proprio in questi giorni sto valutando l’acquisto di un fondo agricolo con un uliveto. Mi piacerebbe che questa bellissima regione potesse sfruttare tutto il suo enorme potenziale e vorrei sommessamente suggerire, ai fini della più assoluta trasparenza delle procedure, la creazione di una centrale unica, con funzioni di promozione degli investimenti, in capo al Presidente della Regione o ad altro soggetto unico dallo stesso delegato che diventasse l’unico, voglio ripeterlo, l’unico interlocutore dell’investitore e degli operatori ad esso collegati”. A questo punto, il gruppo britannico potrebbe aprire un nuovo fronte, in attesa di capire se quella che doveva essere una svolta economica per il territorio possa ancora avere vita.

2 Commenti

  1. A Montesi ed altri manager come lui, dico che il fotovoltaico non produce nessun beneficio al territorio se non al conto in banca di chi realizza l’investimento. Infatti la realizzazione del fotovoltaico industriale non porta alla creazione di nessun posto di lavoro, in quanto la stessa manutenzione é affidata ad aziende già strutturate. Di contro potta solo a devastazione e sottrazione di suolo alla produzioni di prodotti agricoli. Quindi questi signori di quali opportunità parlano. Se i nostri politici farebbero realmente gli interessi dei cittadini dovrebbero dare le autorizzazione legate all’assunzione reale di 2 unità per Mwe installato. L’opportunità del fotovoltaico invece va ricercata nel connubio impresa ed energia con scambio sul posto mediante fotovoltaivoco integrato. Il progetto ciliegino va in tale direzione ma è scomodo per gli investitori in quanto erode I margini risicati della convenienza economica poichè li obbliga a creare lavoro vero con l’avvio delle produzioni serricole.

  2. Oramai il futuro è l elettrico.. e finisco qui.
    Il problema sta nel fatto che sto signore che ha iniziato questo progetto, ha preso dei terreni, li ha spianati per fare il progetto, ma ancora non li ha pagati e ha rovinato le terre a tanti contadini che riuscivano a ricavarci qualcosa, anche se minima ma erano in produzione.
    Ancora non avete capito che questi nuovi investitori sono tutta una bufola per prendere tempo e non pagare nessuno… la politica ucciderà questo paese.. mentre i veri imprenditori vengono rovinati dalle tasse!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here