Greco giura e i leghisti non si alzano, in aula gli unici a non tributare l’omaggio formale al sindaco

 
1
I due leghisti non hanno concesso l'omaggio formale al sindaco

Gela. La campagna elettorale se la sono portata anche dentro l’aula consiliare. Le tensioni maturate durante la corsa che ha permesso al sindaco Lucio Greco di prendersi il municipio si sono riproposte pure durante la prima seduta della nuova assise civica. Salvatore Scerra, tra i leader del gruppo di centrodestra, negli scorsi giorni ha cercato di allontanare il seme dello scontro, parlando di “opposizione intelligente”. Ieri sera, in aula, si è visto tutt’altro. Mentre il sindaco giurava, con l’assise civica che gli ha tributato il riconoscimento dovuto (tutti in piedi comprese le autorità presenti), gli unici a rimanere al loro posto, fermi sulle poltrone, sono stati i due consiglieri della Lega. Il candidato sconfitto Giuseppe Spata e l’altro salviniano Emanuele Alabiso hanno preferito far capire a tutti che loro di collaborare con l’amministrazione comunale, probabilmente, non ne hanno alcun interesse. Un atto plateale che non è passato inosservato.

Anche gli altri consiglieri comunali di centrodestra, sconfitti al ballottaggio insieme a Spata, si sono alzati in segno di formale riconoscimento verso il nuovo primo cittadino. Lo sconfitto invece ha preferito rimanere seduto e forse le voci di un eventuale ricorso contro l’esito elettorale, a breve, potrebbero diventare qualcosa di più. Per ora, niente omaggio a Greco, andando contro la prassi istituzionale.

1 commento

  1. Che paese assurdo. Tralaltro il Sig. Alabiso nel 2014 era candidato proprio nelle liste di Greco… Complimenti per la solita sfida personale tra chi vuole solo mangiare su gela. E cmq se al sig Alabiso non piace l’esito delle elezioni può anche rinunciare al mandato. Bisogna solo pensare di fare il bene di gela. STOP.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here