L’emergenza sicurezza in città, Amato: “Interventi del governo in una città che paga per la mala politica”

 
2
Amato chiede interventi al governo

Gela. Nonostante il bisogno di evitare una recrudescenza criminale in città e la manifestazione di ieri dopo gli attentati al Bcool Beach e al bar Belvedere, non mancano le polemiche. Il fronte degli esercenti che ha spinto per il sit-in ha dimostrato di non essere compatto, con molte attività rimaste aperte nonostante l’invito a chiudere, solidarizzando con i colleghi colpiti dagli attentati incendiari. Molto critico è il presidente dell’associazione ambientalista Amici della Terra Gela. “Queste manifestazioni che fanno spesso da ribalta politica servono a poco – dice – c’è bisogno invece di una conferenza di servizi con tutte le forze dell’ordine per dividere il territorio e tenerlo sotto controllo. Bisogna aprire una seria contrattazione con il governo, andando a manifestare a Roma per il lavoro, l’ambiente e il benessere di una città che ha pagato tanto in tutti i sensi, soprattutto a causa della mala politica”.

Per Amato proprio la politica locale avrebbe enormi responsabilità. “Oggi assistiamo alla sua fine – conclude – le decisioni vengono prese fuori dalla città. Lo stesso commissario dovrebbe prevedere un intergruppo, coinvolgendo le forze dell’ordine, di modo da assicurare un controllo capillare del territorio”.

2 Commenti

  1. Tutto giusto ma cosa fa il movimento x migliorare le cose in città? prima di andare a Roma avete sensibilizzato con i militanti la popolazione? sto parlando di diffondere la cultura del riciclo delle immondizie corretta ,combattere l’omertà e denunciare i soprusi…ma chi c’è al comune…o meglio chi c’era? chi fa parte della mala politica? sempre gli altri? andare a Roma x che cosa?prima si manifesta in casa propria e si da l’esempio… bella predica quella di Amato…tutto fumo…

Rispondi a Ivan Cancella la risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here