Ghelas-Comune, l’ente si opporrà al decreto ingiuntivo da 500 mila euro: verifiche sulle somme

 
0
Fidone è stato nominato da Arena e lascia dopo meno di un anno di gestione

Gela. L’ultimo atto ufficiale è un decreto ingiuntivo da 505 mila euro, fatto notificare in municipio dall’amministratore delegato della Ghelas Multiservizi, la società in house controllata per intero dal Comune. Al momento, non sono previsti confronti ufficiali tra l’avvocato Gianfranco Fidone e l’amministrazione comunale. “Le interlocuzioni ci sono sempre – dice Fidone – ma non ho ricevuto comunicazioni ufficiali”. Negli ultimi tempi, i rapporti “istituzionali” tra il manager e la giunta non sono idilliaci. Per Fidone, Ghelas deve ancora incassare un credito ben superiore ai due milioni di euro, soldi che dovrebbe versare il municipio. L’assessore Grazia Robilatte, anche durante un recente incontro in prefettura a Caltanissetta, ha indicato però numeri decisamente inferiori. Un divario sul quale la commissione consiliare bilancio, presieduta da Valeria Caci, vuole fare chiarezza.

“Stiamo leggendo tutti gli atti – dice il presidente Caci – non escludo una convocazione dell’amministratore delegato della società”. La giunta ha deciso di costituirsi per opporsi al decreto ingiuntivo da mezzo milione di euro. I funzionari hanno provveduto alla nomina di un legale di fiducia e la vicenda finirà davanti ai giudici.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here