Il consiglio si blocca, in aula manca il dirigente Depetro: “Serve la commissione disciplinare”

 
0
L'attuale dirigente Depetro è a processo

Gela. In aula, non c’era il dirigente al bilancio Alberto Depetro e, per l’ennesima volta, i lavori del consiglio comunale si sono arenati. Senza dirigente, non è stato possibile valutare gli emendamenti proposti a due articoli del regolamento di polizia mortuaria. Quindi, niente da fare e, alla fine, non ha retto il numero legale. In aula, si tornerà domani sera. E’ chiaro, però, che il consiglio non gradisce né le scelte né la condotta gestionale del dirigente Depetro. Dopo lo scontro esploso durante la discussione della scorsa settimana, che solo al termine di una seduta fiume ha portato all’approvazione del regolamento sugli impianti sportivi, i consiglieri sono di nuovo tornati all’attacco. Tanti ritengono il dirigente fin troppo schierato a favore della giunta. Sia il dem Guido Siragusa sia il consigliere Carmelo Casano, quasi a mettere alla prova l’amministrazione comunale, hanno subito chiesto pareri contabili su una serie di modifiche da apportare. Senza Depetro e con un segretario generale, arrivato dal Comune di Niscemi, vista l’assenza del titolare, nessuno ha potuto esprimere un parere. Siragusa non ha usato mezze misure. “A questo punto, invito il sindaco ad attivare la commissione disciplinare – ha detto – non è pensabile che i dirigenti dell’ente disertino i lavori del consiglio”. Il presiedente Alessandra Ascia, già domani, invierà una nota ufficiale, anche per verificare se sussistano profili disciplinari. Il sindaco Domenico Messinese, presente in aula insieme all’assessore Valeria Caci, non ha fatto passi indietro e non ha voluto ritirare l’atto. “Senza dirigenti, l’atto non si può trattare – ha ribadito Casano – invito il sindaco a fare il bene della città e a ritirarlo”.

Niente dirigenti…niente atti. Già in apertura di seduta, davanti ai banchi vuoti dei dirigenti, il presidente di turno Salvatore Scerra ha avvisato tutti. “A tutela del consiglio – ha spiegato – ritengo che gli atti non si possano trattare. Servono i pareri contabili”. Il capogruppo di DiventeràBellissima Vincenzo Cascino, invece, nel tentativo di sbloccare la stasi, ha comunque chiesto la prosecuzione dei lavori. Provocatorio, ancora, l’intervento del capogruppo di Noi con l’Italia Vincenzo Cirignotta. “Chiedo al sindaco – ha detto – di valutare l’opportunità di affidare l’incarico del dirigente Depetro al vicesindaco Simone Siciliano”. Un messaggio politico indirizzato al numero due della giunta, che ha in mano numerose deleghe, tutte affidategli dal sindaco. Davanti alla confusione generale e con un sindaco che ha scelto la linea dura, non ritirando l’atto, anche l’esponente di Sicilia Futura Antonino Biundo ha chiesto lumi, nel tentativo di fare chiarezza. E’ stato tutto inutile. Niente dirigenti, niente atti e tutti a casa, in vista della seduta di domani sera.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here