“Per Musumeci città è una discarica”, Di Cristina: “Pronti a metterci davanti Timpazzo”

 
1
Di Cristina non esclude azioni plateali

Gela. “Mentre si parla solo di ciò che andrebbe fatto, senza azioni concrete, a Timpazzo già scaricano i rifiuti di altri Comuni, che non fanno parte dell’ambito”. Il segretario provinciale del Pd Peppe Di Cristina va oltre il solo no al progetto di aumento dei quantitativi, previsto dalla Regione per Timpazzo, e preannuncia azioni eclatanti. “Purtroppo, abbiamo ormai chiaramente capito che per il presidente della Regione Musumeci la nostra è una città di serie C – dice – la considera una discarica. Quindi, noi siamo pronti anche a metterci davanti alla discarica, pur di impedire l’aumento dei rifiuti destinati al sito. Non è ammissibile. Ora, capiremo chi per davvero vuole difendere la città, anche fisicamente. Servono posizioni nette su temi cruciali. Non si può parlare solo di ciò che si vuole fare, sono necessari atti concreti. Il Pd, già da settimane, denuncia l’intenzione della Regione, anche quando gli altri erano in totale silenzio. Le nostre mille firme, che abbiamo indirizzato a Musumeci, sono state buttate nel cestino, per utilizzare un eufemismo. Quello che sta accadendo è una vera vergogna, l’ennesima subita da questo territorio”. Anche il Pd cittadino si sta organizzando e a breve potrebbe annunciare nuove azioni.

“Qualcuno pensa di poter portare Gela nel paese dei balocchi – conclude – ma noi non andiamo, non torniamo asini”. I dem confermano le loro posizioni e ora annunciano iniziative di protesta, plateali.

1 commento

  1. Bisogna agire ed organizzare un blocco di fronte la discarica impedendo di far scaricare quelli di altri territori. Basta solo parlare. Un plauso a Di Cristina a prescindere dai colori politici, che si sta battendo per una giusta causa del territorio, che da un lato sta cercando di rialzare la testa dopo un lungo periodo di inquinamento industriale e di fatto viene affossato, con questa ingiusta causa.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here