“Agenda Urbana”, 900 mila euro contro erosione costa: sì Regione a trasferimento fondi

 
0

Gela. E’ stato necessario un provvedimento della giunta regionale, firmato dal presidente Nello Musumeci. I finanziamenti destinati ad “Agenda Urbana”, coordinata dall’Autorità che ricomprende Gela e Vittoria, vanno incontro ad una parziale modifica, almeno per due azioni, già con copertura. Vengono spostati poco più di 900 mila euro, che serviranno a progetti per arginare l’erosione della costa e interventi di prevenzione del rischio idrogeologico. Un trasferimento richiesto ufficialmente dal coordinatore dell’Autorità urbana, il dirigente Antonino Collura, che insieme all’assessore Terenziano Di Stefano sta seguendo l’intero iter di “Agenda Urbana”. Giovedì, è stata ufficializzata un’ulteriore dotazione da 1 milione 600 mila euro, che riguarderà progetti sull’informatizzazione della pubblica amministrazione e servizi sanitari. Lo spostamento di fondi, sancito dalla giunta regionale, invece tocca aspetti molto delicati del territorio locale. Ci sono ampie fasce costiere, a cominciare da quella di Bulala, che confina con il territorio ragusano, che ormai da anni risentono di un costante processo di erosione, come accertato da un recente sopralluogo della capitaneria di porto, disposto dal Ministero dell’ambiente. Anche la tenuta idrogeologica di molte aree del territorio locale è a forte rischio. Le somme trasferite serviranno a finanziare questo tipo di progetti, dato che l’azione al cui finanziamento erano stati inizialmente destinati, anche per un difetto di delega, difficilmente avrebbe potuto assicurare un esito favorevole, arrivando alla definizione di possibili progetti.

La diversa destinazione degli oltre 900 mila euro, con un carteggio che contiene centinaia di atti, ha avuto l’autorizzazione del tavolo tecnico predisposto per le modifiche, ma anche del Nucleo regionale di valutazione e dei dipartimenti interessati, ambiente e programmazione. L’Autorità urbana puntava ad evitare che le somme ora trasferite potessero finire su un binario morto. Copriranno progetti di tutela ambientale e di salvaguardia del territorio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here