“Maggioranza tenuta insieme da potere”, Siragusa: “Non tutela interessi del territorio”

 
0
Siragusa conferma che su Timpazzo la mobilitazione dem proseguirà

Gela. “Il numero legale caduto prima che si trattasse la mozione su Timpazzo? La storia si ricorderà di questi atteggiamenti tattici della maggioranza, che tutelano solo interessi politici e non quelli del territorio”. Il segretario cittadino del Pd Guido Siragusa, anche dopo quanto verificatosi ieri sera nel corso del question time, con la mozione su Timpazzo (presentata da dem e grillini) saltata, è ancora più convinto che la maggioranza terrà. “Se vogliono veramente l’azzeramento, dovrebbero farlo – dice ancora – altrimenti pensino a governare. Io non credo che questa maggioranza si sfalderà, semplicemente perché è tenuta insieme dal potere. Il minimo comune denominatore è proprio questo. L’elefante, alla fine, ha partorito il topolino. Il Pd, su Timpazzo, non arretra e organizzeremo nuove forme di protesta. La mozione verrà ripresentata il mese prossimo. Dovrà essere la maggioranza, eventualmente, a bocciarla. Non possiamo accettare che tante discariche in Sicilia chiudano e la pressione si concentri solo su Timpazzo. Quando la vasca E sarà satura, allora saremo contenti e gabbati? Il sindaco doveva pretendere che la mozione venisse approvata. Gli avrebbe consentito di avere maggiore autorevolezza nel confronto con la Regione e con la Srr. Invece, si sta fidando delle sirene illusorie della Regione e di sindaci, come il presidente della Srr Filippo Balbo”.

La zona rossa decretata da Palermo, secondo Siragusa, è un altro smacco, pesante. “Al sindaco abbiamo proposto di intervenire con proprie ordinanze, così come stanno facendo altri primi cittadini, ad esempio in Calabria – aggiunge – avrebbe evitato la chiusura generalizzata, che devasta l’economia, consentendo l’accesso nelle attività a chi è munito di green pass. Invece, niente. A questo punto, vorrei capire qual è la strategia di questa amministrazione. Se il governo non dovesse cambiare i criteri, cosa faremo? Questa è una città che vive con le spiagge e con quel poco di economia che assicurano”. Il segretario dem conferma, con una disamina politica piuttosto asciutta, che non sembra esserci alcun interesse ad un dialogo con gli ex alleati. Il Pd, anzi, potrebbe alzare il livello della mobilitazione, a partire dal caso Timpazzo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here