Servizi aggiuntivi negati agli infermieri del territorio, accusa del Nursind

 
0
Provinzano spinge per i tamponi rapidi

Gela. L’Asp di Caltanissetta, retta dal manager Alessandro Caltagirone, è accusata di mancata attivazione delle prestazioni aggiuntive, indispensabili alla gestione delle prestazioni sanitarie legate alla pandemia da covid-19. Ad accendere i riflettori sulla vicenda è il sindacato infermieristico Nursind, con il segretario Giuseppe Provinzano, evidenziando il mancato rispetto dell’accordo regionale adottato, invece, dalle aziende sanitarie provinciali di cinque province regionali, ovvero: Agrigento, Enna, Messina, Palermo, Trapani.

Si parla di risorse differenti, rispetto al lavoro straordinario utili sia a fronteggiare la campagna vaccinale che, più in generale, garantire una migliore gestione del covid-19.

Le somme in questione, 30 euro l’ora, potrebbero rappresentare un ulteriore ristoro mensile per i qualificati operatori del settore, da sempre impegnati in prima linea tra le corsie ospedaliere.

La platea degli infermieri che beneficerebbe dell’indennizzo, differente dal lavoro straordinario, è molto alta. “Come noto – scrive il Nursind – gli infermieri, le ostetriche e gli operatori sanitari sono ancora impegnati, in questa emergenza covid, a 360 gradi, e tutti i giorni si prodigano per salvaguardare la salute dei cittadini, salute minacciata dal coronavirus. Affrontano turni impossibili, stress emotivi inimmaginabili e hanno un rischio di contrarre la malattia di gran lunga superiore al cittadino medio. Sono sempre loro, infatti, i primi ad affrontare disagi, compiere sacrifici e fronteggiare le varie minacce alle quali sono quotidianamente esposti. Per questi motivi vi chiediamo di dare la giusta attenzione verso chi oggi, si trova qui a rischiare la propria vita per salvarne altre”. Il Nursind, inoltre, è convinto che sia doveroso da parte dell’Asp di Caltanissetta lanciare un segnale di vero riconoscimento a chi, da sempre, ha contribuito, come anche in questa emergenza pandemica, ad evitare l’implosione dei servizi sanitari della provincia di Caltanissetta.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here