“Ultima fermata”, droga e una rapina: disposto il giudizio immediato

 
0
Gli indagati monitorati per diversi mesi dai carabinieri

Gela. Nei loro confronti sono concentrati più capi di accusa, che hanno portato alle misure imposte con l’operazione “Ultima fermata”. I pm della procura, che hanno coordinato le indagini su un ampio giro di droga e su una rapina al bar della stazione, hanno chiesto e ottenuto il giudizio immediato. Nel provvedimento, si fa riferimento alle posizioni di Francesco Ascia, Piero Francesco Frazzitta, Giuseppe Radosta e Daniele Nocera. Nei loro confronti il giudizio è stato fissato per il prossimo novembre. Tutti avrebbero avuto un ruolo nello spaccio di droga, secondo le contestazioni mosse dalla procura a seguito di indagini condotte dai carabinieri. Ascia e Frazzitta, inoltre, sarebbero i responsabili della rapina messa a segno ai danni dei titolari del bar della stazione. Gli investigatori monitorarono contatti e incontri.

Uno dei punti di riferimento, anche per lo spaccio, pare fosse la zona a ridosso della stazione ferroviaria. Sembra ci siano stati coinvolti che hanno già deciso di definire la loro posizione. Anche per i destinatari del giudizio immediato si apre la possibilità di optare per riti alternativi. Sono difesi dagli avvocati Davide Limoncello, Giuseppe Cascino e Marzia Cammarata.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here